tg - diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

La Normale e la Sant’Anna di Pisa tra le prime 200 università del mondo
Anche la Scuola Normale Superiore e la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa tra i migliori 200 atenei al mondo. La notizia arriva dalla classifica stilata dalla rivista inglese “Times Higher Education”, che ha diffuso il “World University Ranking 2016-2017”. Per stilare la top 200 sono state prese in esame 980 università di 79 paesi del mondo. E le due scuole pisane, si sono guadagnate il primo e secondo posto tra i 38 atenei italiani esaminati. A dominare la classifica generale ci sono ancora gli atenei di Stati Uniti e Regno Unito, con Oxford, California Institute of Technology, Stanford rispettivamente in prima, seconda e terza posizione. A dominare la top ten i maggiori atenei inglesi e americani con l’eccezione dell’università svizzera ETH di Zurigo. Fuori classifica, l’Università di Bologna, il Politecnico di Milano, l’Università di Trento, che si sono piazzate fra la posizione 201 e 250 a livello mondiale.

Yahoo al centro del più grande attacco hacker di sempre
Gli hacker colpiscono ancora. 500 milioni di account rubati a Yahoo. Con questi altrettanti nomi, indirizzi, numeri di cellulare, date di nascite e password. Tutti rimessi in vendita, poi, per circa 2000 dollari ciascuno. Lo scrive il sito specializzato Recode, anticipando che la notizia dovrebbe essere confermata entro questa settimana dallo stesso gigante del web. Si tratta della più grande violazione di dati mai avvenuta. L’azienda di Sunnyvale sarebbe al lavoro per ricostruire l’accaduto. Tra i punti non chiari ci sarebbe quello sul perché non sia stato mandato un messaggio agli utenti chiedendo di reimpostare la password. Per più di due anni, infatti, non è stata data notizia dell’hackeraggio. L’attacco risale al 2014 da un cyber criminal, definito da tre funzionari dell’Fbi, come “protagonista sostenuto dallo stato”. I tre dell’intelligence, che hanno chiesto di non essere identificati, sarebbero sicuri di quello che affermano perché l’attacco somiglierebbe a passati colpi messi in atto dalle intelligence russe. Yahoo, da canto suo, ha fatto sapere di star collaborando con le autorità e la stessa Fbi.

Save the day, in un video gli attori di Hollywood contro Donald Trump
Gli attori di Hollywood contro Donald Trump. Sembra stia diventando uno sport comune schierarsi contro il candidato presidente repubblicano. Ma, d’altronde, le presidenziali dell’8 novembre si avvicinano e il tempo, si sa, è tiranno. È così che Robert Downey Jr., Scarlett Johansson, Mark Ruffalo, Don Cheadle, Jesse Williams, James Franco, Neil Patrick Harris e Julienne Moore – tanto per citarne alcuni – si sono riuniti per girare un video diretto da Joss Whedon. Nella clip il mondo del cinema si fonde a quello delle serie tv in una parata di stelle che anima l’intero video. Sono tre minuti impiegati dalle star per “convincere” i propri fan a prendere la decisione giusta nel segreto dell’urna. L’iniziativa si chiama Save the Day. Una campagna che non è direttamente indirizzata a Donald Trump ma che è, in realtà, un “inno” a non votarlo. Il nome del candidato, infatti, non viene mai citato dagli attori. Così come quello di Hillary Clinton. La sensazione è, però, che nessuno dei chiamati ad esprimersi davanti la telecamera sia a favore del repubblicano.

I Rolling Stones e la magia di Cuba al cinema per una notte
Lo storico concerto dei Rolling Stones all’Avana è oggi un film diretto da Paul Dugdale.
“Havana moon”, questo il titolo del lungometraggio, sarà proiettato solamente oggi, 23 settembre, in contemporanea mondiale in migliaia di sale sparse tra Europa, Australia, Russia, Giappone e America Latina. Un evento “one night only” al cinema solo per una notte. Il 25 marzo 2016 i Rolling Stones sono stati il primo gruppo rock ad esibirsi in un gigantesco concerto nell’isola caraibica scrivendo così un’altra pagina della storia del rock. Il loro arrivo – a pochi giorni di distanza da quello Barack Obama, il primo Presidente degli Stati Uniti a visitare Cuba in 88 anni – è stato accolto con grande eccitazione dal popolo cubano, in oltre 500mila hanno assistito allo show gratuito nel campo della Ciudad Deportiva.

TMZ: Brad Pitt indagato dalla polizia per abuso sui figli
Brad Pitt sarebbe sotto inchiesta da parte della polizia di Los Angeles con l’accusa di abuso verbale e fisico ai danni dei suoi figli. Lo riporta il sito TMZ, che aggiunge come questo episodio sia stato causa del divorzio da Angelina Jolie. Secondo il portale, Brad, Angelina e i loro bambini erano su un jet privato lo scorso mercoledì. L’attore impazzì letterelamente, iniziò a dare di matto, urlando e malmenando i figli. Una volta atterrato l’aereo, intorno alle 20:00, testimoni hanno dichiarato che Pitt ha continuato il suo sproloquio. Le fonti hanno raccontato a TMZ che un anonimo presente alla scena ha riferito l’accaduto al Dipartimento minori della contea di Los Angeles. Sembra che Brad e Angelina siano stati interrogati e che il dipartimento farà lo stesso con i bambini. L’indagine dovrebbe essere ancora in corso. Secondo la polizia di Los Angeles, aprire un indagine è un caso di routine quando qualcuno segnala abusi sui minori. TMZ non è a conoscenza delle specifiche del presunto abuso. Sembra sia stato sia verbale che fisico.