tg - diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

Brexit, serve accordo entro il 2018
L’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea deve essere una priorità. Un processo da chiudere immancabilmente entro il 2018, una “data abbastanza plausibile” al momento. A sostenerlo Michel Barnier, incaricato dalla Commissione di gestire i negoziati per la Brexit. Le trattative dovrebbero iniziare a marzo 2017 ma è impensabile andare avanti per troppo tempo. “Avremo meno di due anni per le trattative  – ha  specificato Barnier – un accordo andrà trovato nell’arco di diciotto mesi”. L’obiettivo è di concludere il tutto entro le elezioni europee che si terranno nel 2019, il che significa che un certificato ufficiale dovrà essere stilato almeno sei mesi prima. Ancora mistero sui particolari che daranno forma all’accordo. Gli unici punti da tenere in considerazione, secondo Barnier, sono le quattro libertà del mercato unico (mercati, persone, servizi e capitali) che restano “indivisibili”.

Il piccolo principe stravince tra i piccoli lettori de #Imiei10libri
D’Avenia, Ammaniti, Saviano sono i tre autori preferiti dai ragazzi per le biblioteche scolastiche della secondaria. Il titolo più amato alla scuola primaria e’ ‘Il Piccolo Principe’. Questi i risultati del concorso #Imiei10libri lanciato dal ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini in occasione del Salone del Libro di Torino. Obiettivo dell’iniziativa: promuovere la lettura tra i bambini e i ragazzi ribaltando la prospettiva. Dando cioè la parola agli studenti che hanno potuto indicare, classe per classe, i dieci libri più amati da mettere poi a disposizione nelle biblioteche scolastiche. Il risultato finale è frutto del dibattito che in questi mesi si è svolto nelle aule. I libri potevano essere un classico, una sua rivisitazione contemporanea o un testo recente legato alla produzione di qualità nell’ambito dell’editoria per l’infanzia e per i ragazzi della cultura italiana ed europea.

Grammy Awards, Beyoncé e Adele campionesse di nomination
Beyoncé e Adele su tutti. Saranno le due cantanti a contendersi il numero più alto di premi ai Grammy Awards. La National Academy of Recording Arts and Sciences ha ufficializzato le nomination dello show che si terrà il prossimo 12 febbraio allo Staples Center di Los Angeles. Per Miss Knowles sono ben nove candidature. Un numero record che la rende ufficialmente la donna più nominata di sempre. Il premio più ambito sicuramente album dell’anno, categoria in cui Lemonade dovrà scontrarsi con 25 di Adele. Quest’ultima a quota 5 nomination. Spazio anche per la musica italiana ai prossimi Grammy. Saranno Laura Pausini, Andrea Bocelli ed Ennio Morricone a rappresentare il Bel Paese, rispettivamente nelle categorie best latin pop album, traditional pop vocal album e per il compositore migliore colonna sonora e best instrumental composition.

Niente paura Google ti salva la vita. La nuova app
Google come il “Salva la vita” Beghelli e meglio del Safety Check di Facebook. Si chiama Trusted Contacts – Contatti di fiducia – la nuova app di Big G per lanciare SOS in caso di pericolo.Un applicazione per comunicare ad un gruppo di persone fidato la propria posizione e il proprio stato di salute. È questa la funzione della nuova applicazione Google apparsa sul market elettronico. In qualsiasi momento, anche a telefono spento, alcuni contatti, scelti autonomamente tra le persone fidate, potranno accertarsi che tutto “fila liscio”. Con un semplice tasto è possibile chiedere aiuto o rassicurare i propri cari. Un app utile non solo in caso di disastri o incidenti. Basti pensare ai ragazzi che la sera escono o a chi ama fare jogging la sera tardi. “Contatti di fiducia” è disponibile al momento solo per Android ma presto sarà disponibile anche per iOS.

Lady Gaga soffre di disturbo post traumatico da stress
Lady Gaga soffre di disturbo post traumatico da stress. L’ha confessato in tv al Today Show. L’occasione una visita alla comunità LGBT giovanile di Harlem a New York. Un incontro per incoraggiare i ragazzi che si trovano a vivere realtà. “L’ho detto oggi ai ragazzi. Soffro di disturbo post traumatico da stress. – ha confessato la pop star – Non l’avevo mai detto a nessuno”. Una vera e propria “malattia mentale” come l’ha definita lei stessa e che la affligge da quando, due anni fa, ha rivelato di aver subito uno stupro all’età di 19 anni. “Ci combatto ogni giorno” ha aggiunto, raccontando di come da sola, però, non ce la farebbe a vivere serena. “La gentilezza dei dottori, della mia famiglia e dei miei amici mi ha salvato la vita”. Gentilezza che dovrebbe essere predicata più spesso. Per questo, Lady Gaga ha voluto incontrare i ragazzi della comunità LGBT. Per infonder loro l’idea che “sulla terra siamo tutti uguali”, senza differenze.