tg - diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

https://youtu.be/_QCLZazmkhE

Nasce il governo Gentiloni. Solo due le new entry
È ufficialmente nato il Governo Gentiloni, il 64esimo della storia repubblicana. Vince la continuità. Pochi i cambi e le new entry in un esecutivo a quello del governo Renzi. Tra le numerose conferme, anche qualche trasloco. Il leader di Ncd Angelino Alfano si trasferisce dal Viminale alla Farnesina e diventa ministro degli Esteri. Promosso al ministero degli Interni Marco Minniti, già sottosegretario con delega ai Servizi nei governi Letta e Renzi, mentre Luca Lotti va allo Sport, Anna Finocchiaro ai rapporti con il Parlamento e Claudio De Vincenti alla Coesione Territoriale. Conferme inattese per Maria Elena Boschi, che diventa sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, per Giuliano Poletti e Gian Luca Galletti che conservano i propri ministeri. Unico ministro a perdere il posto Stefania Giannini, ex ministro dell’Istruzione. “Ho fatto del mio meglio per formare il governo nel più breve tempo possibile”, ha commentato il neo premier.

Sanremo 2017: svelati i nomi dei big in gara
La macchina della prossima edizione di Sanremo si è messa in moto. Ieri sera, il conduttore e direttore artistico della manifestazione canora Carlo Conti ha annunciato i nomi dei 22 big in gara, pronti a partecipare alla 67 edizione nel corso della prima serata di Rai1 “Sarà Sanremo”. Tra questi Albano, Paola Turci, Marco Masini e Fiorella Mannoia. Aumentano i nomi dei ragazzi provenienti dai talent: entrano direttamente tra i big Elodie, Sergio Sylvestre, Chiara Galiazzo, Michele Bravi e Alessio Bernabei. Rispetto alla precedente versione (in cui erano previsti tutti i Campioni durante la prima serata di martedì 7 febbraio) nelle prime 2 giornate del Festival, si esibiranno 11 Campioni a sera: di questi i primi 8 accederanno alla serata del venerdì mentre gli ultimi 3 classificati prenderanno parte ad un torneo eliminatorio nella serata del giovedì.

Golden Globe: Italia esclusa dalle nomination
Sono state annunciate da Anna Kendrick, Laura Dern e Don Cheadle al Beverly Hilton Hotel le nomination dei Golden Globe 2017, i premi assegnati dalla Hollywood Foreign Press Association alle produzioni cinematografiche e televisive. In gara 25 categorie: 14 per i film e 11 per la tv. Fa incetta di premi La La Land, il sorprendente musical moderno acclamato e lodato dalla critica internazionale. Damien Chazelle dirige Emma Stone e Ryan Gosling in una appassionata storia d’amore, che dovrà fare i conti con le ambizioni della coppia. In totale sono 7 le categorie in cui concorre per una globo d’oro. Sei nomination, invece, per Moonlight’ di Barry Jenkins. Cinque per ‘Manchester By the Sea’ di Kenneth Lonergan con Casey Affleck tra gli interpreti. Balza agli occhi, la totale assenza tra le nomination di ‘Sully’ di Clint Eastwood e ‘Silence’ di Martin Scorsese. Esclusa anche l’Italia che non ottiene nessuna candidatura.

Galaxy Note 7 disabilitato da Samsung e inutilizzabile
È veramente la fine. Il Galaxy Note 7 disabilitato è solo l’ultimo step della strategia di spegnimento del dispositivo “esplosivo” di Samsung. Lo ha annunciato la stessa casa produttrice sul suo sito e sembra che il destino del phablet sia ormai segnato. Nella pratica i Galaxy Note 7 che sono ancora in circolazione negli Stati Uniti saranno definitivamente “spenti” nel giro di un mese da remoto grazie a un aggiornamento del software. Aggiornamento che li renderà completamente inutilizzabili e quindi innocui. Lontani dal rischio esplosione che ha colpito tanti dispositivi. Una scelta non presa a cuor leggero ma che è stata guidata da un richiamo alla sicurezza dei propri clienti. Per tutti i possessori di Galaxy Note 7 quindi sembrano non esserci alternative. Samsung provvederà a fornire un rimborso ai suoi clienti affinché possano sostituire il loro smartphone restituendo il modello “maledetto”.

Questa notte naso all’insù per l’ultima SuperLuna del 2016
L’anno si chiude con lo spettacolo della terza SuperLuna del 2016. Sebbene il nostro satellite non apparirà grande tanto quanto la Luna piena di novembre, sembrerà leggermente più luminoso e vicino. L’atteso plenilunio è previsto questa notte, intorno all’una. In contemporanea sarà possibile tentare di scorgere qualche stella cadente: sempre oggi le Geminidi raggiungeranno il picco massimo. Tuttavia, a causa della luce della Luna, l’impresa sarà dura. La Luna del 14 dicembre sarà ad una distanza di 356.469 chilometri dalla Terra, contro i 382.000 km di media.
Di conseguenza, il nostro satellite apparirà circa il 14 per cento più grande e il 30 per cento più luminoso nel cielo di quanto non faccia durante l’apogeo di plenilunio (chiamato anche Micro Luna).