tg - diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

Governance Poll 2016, vince Appendino
È Chiara Appendino, la sindaca pentastellata di Torino, la vincitrice del Governance Poll 2016, la classifica sul gradimento degli amministratori stilata dall’Istituto Ipr Marketing per il Sole 24 Ore. Il primo cittadino del capoluogo piemontese, rispetto alla scorsa rilevazione, guadagno ben 7 punti ottenendo il 62 per cento dei consensi. Male, invece, la collega Virginia Raggi, sindaco di Roma. La sua, una flessione di oltre 23 punti percentuali che la colloca, con il 44 per cento dei consensi, solo al penultimo posto. Bene i primi cittadini di Napoli, Firenze e Salerno. Quella di Luigi de Magistris, in particolare, la risalita più prepotente che lo pone appena fuori dal podio. A livello regionale, primeggia il Veneto con Luca Zaia (Lega) al primo posto col 60% dei consensi, seguito da Enrico Rossi (Pd) che si ferma al 57% e dal presidente della Lombardia Roberto Maroni (Lega) che arriva al 54%.

Stati Uniti, viaggi più difficile anche dall’Europa
Prima dirompente intervista del neo presidente statunitense Donald Trump ad un quotidiano europeo. Il tycoon, all’inglese Sunday Times, ha parlato di Europa, di Nato e di quelle che saranno le nuove regola per difendere i confini degli Stati Uniti. Con grande sorpresa, l’inquilino della Casa Bianca, ha annunciato che saranno presto intensificati i controlli per accedere negli Stati Uniti. Misure restrittive saranno applicate non solo a chi proviene da Paesi a rischio terrorismo ma anche per tutti coloro che si muoveranno dall’Europa. A proposito del Vecchio Continente, poi, Trump ha definito la Brexit un grande cosa e che presto altre nazioni seguiranno la via del Regno Unito. Nell’intervista non sono mancati appunti alla politica della Germania e in particolare di Angela Merkel in tema di migranti. Infine, Trump ha definito la Nato un’organizzazione ormai obsoleta che andrebbe rivista.

I servizi Uber direttamente su Google Maps
Sorprese di inizio anno attendono gli utenti Google, si parte dalla mini rivoluzione di Maps. L’app, da oggi non si limita a fornire indicazioni sui luoghi e sui possibili itinerari da percorrere ma permetterà agli utenti di scegliere anche il mezzo più adatto per muoversi. Tra questi anche quelli di ‘ride sharing’. Su Maps, infatti, segnalati i punti dove si trovano i veicoli dei servizi Uber o Lyft. Importanti dettagli sono forniti anche sui costi, i minuti d’attesa e le offerte speciali. I nuovi servizi di Maps sono già disponibili per iPhone e per i dispositivi Android. Altra importante novità quella di non dover scaricare più app diverse. Grazie a Maps e alle indicazioni offerte, superfluo installare le apposite applicazione di Uber e di Lyft.

Isola dei Famosi, stop a Wanna Marchi
Wanna Marchi e la figlia Stefania Nobile fuori dal cast de L’isola dei Famosi. Questo il risultato delle tante proteste social e della campagna di Antonio Ricci a “Striscia la Notizia” contro la partecipazione della ex televenditrici al reality show del biscione. Troppo forte il ricordo delle truffe perpetrate ai danni dei telespettatori e in particolare degli anziani e di soggetti psicologicamente fragili. Alessia Marcuzzi e l’intera produzione di Cologno Monzese dovranno, quindi, ripensare l’intero cast del programma. Ma le polemiche non sono destinate a spegnersi in maniera pacifica. Wanna Marchi e Stefania Nobile sono, infatti, legate al programma da un contratto scritto che vogliono a tutti i costi far valere e soprattutto si appellano alla pena scontata, con il carcere, e il loro diritto a rifarsi una vita. Al momento Mediaset tace ma farà di tutto per evitare quello che da più parti si preannuncia come un clamoroso autogol.

Spice Girl, la reunion si allontana
Era già difficile in partenza la reunion delle Spice Girl ora sembra davvero impossibile. Dopo l’esclusione volontaria di Mel C e il “no” di Geri Halliwell arriva come un macigno lo stop di Victoria Beckham. Secondo il “Sun”, infatti, la moglie del calciatore avrebbe dato mandato ai suoi legali di bloccare il reunion tour e soprattutto l’uso delle hit del gruppo. Emma Bunton e Mel B perdono così, in un sol colpo, le compagne di viaggio ma anche la possibilità di utilizzare i cavalli di battaglia che hanno fatto sognare e ballare intere generazioni. Le due superstiti si sono dette sconvolte per la scelta delle ex ragazze terribili. Sul fronte opposto, per il momento, tutto tace anche se i giornali britannici sono pronti a scommettere che a parlare saranno le carte bollate.