tg - diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

500mila italiani in pensione da più di 40 anni
Sono circa 500 mila gli italiani in pensione da quasi quarant’anni. Per questo il presidente dell’inps Tito Boeri ha chiesto un sacrificio a chi percepisce uno stipendio alto, in modo da destinare le risorse così ottenute ai lavoratori più giovani ed anche ad un eventuale ammorbidimento degli attuali requisiti di uscita. Una proposta per sua natura delicata che ha immediatamente fatto scattare il fuoco di sbarramento del governo. Sia Tommaso Nannicini, sottosegretario alla presidenza del Consiglio e consigliere del premier Renzi, sia il ministro del Lavoro Poletti fanno sapere che non sono allo studio progetti di questo tipo. Ma che in realtà il tema sia in agenda lo confermano le parole dello stesso ministro, quando ricorda che entro fine anno bisognerà decidere cosa fare del contributo di solidarietà che esiste già: quello introdotto dal governo Letta per le pensioni di importo superiore a circa 90 mila euro l’anno.

File da record per la Tesla Model 3
E’ un australiano che ha atteso per 48 ore davanti alla concessionaria Tesla di Sydney, la prima persona al mondo a ordinare l’attesissima utilitaria elettrica Tesla Model 3, dalle caratteristiche ancora segrete, che saranno rivelate oggi a Los Angeles. Secondo indiscrezioni è una berlina a quattro porte, con autonomia di guida di 480 km e un tempo di accelerazione da zero a 100 km/ora di meno di quattro secondi nella versione top. Presentata come ‘affordable consumer car’, è la prima Tesla pensata per il mass market. Primo di una fila che si snodava per decine di metri, alle 8 locali (le 23 di ieri in Italia) Andreas Stephens ha potuto preordinare l’utilitaria, etichetta di prezzo 35 mila dollari Usa quando entrerà in commercio verso fine 2017.

Accorsi diventa Capone
Era un driver di talento, tutto genio e sregolatezza, con la seconda caratteristica che ha evidentemente avuto la meglio sulla prima. Sebbene l’attenzione nel film sia fortemente dedicata al personaggio di Loris De Martino, interpretato da Accorsi, Rovere ha tenuto a precisare quanto sia importante il ruolo di Giulia, fulcro motore di “Veloce come il vento”. E quella vita, oltre il carburatore, ha saputo comunicarla a un regista, che si è appassionato in particolare alla storia del mitico Carlo Capone, pilota di rally che divenne leggenda perché solo la sua lingua era più veloce del suo bolide. Dopo ‘Velocità massima’, il film di Daniele Vicari con Valerio Mastandrea e Ivano De Matteo, nessuno in Italia per 14 anni aveva più realizzato un bel lungometraggio con protagonisti i motori e le corse d’auto.

Un adulto su otto è obeso
Oggi un adulto su otto è obeso, pari al doppio rispetto al 1975 ed entro il 2025 gli obesi potrebbero essere uno ogni cinque. E’ quanto si legge in una ricerca pubblicata dalla rivista scientifica Lancet, in cui si precisa che dei circa cinque miliardi di adulti registrati nel 2014, 641 milioni sono obesi. “Se l’aumento dell’obesità avverrà al ritmo registrato finora, nel 2025 circa un quinto degli uomini (18%) e delle donne (21%) saranno obesi nel mondo, e il 6% degli uomini e il 9% delle donne saranno affetti da grave obesità”, hanno denunciato i ricercatori dello studio.

La ribellione delle hostess Air France
Le hostess della Air France si sono viste imporre dalla direzione della compagnia di indossare il velo al momento dell’atterraggio nei nuovi voli, che saranno inaugurati a breve, direzione Teheran. Una parte delle hostess, però, ha già opposto il suo rifiuto e la polemica sta gonfiando. È dal prossimo 17 aprile che Air France ricomincerà a volare da Parigi verso l’aeroporto Teheran-Imam Khomeini, ma a Parigi non si aspettavano di affrontare al riguardo la rivolta delle hostess. Queste hanno ricevuto le istruzioni del caso. In genere possono scegliere liberamente tra due uniformi, una con la gonna e l’altra coi pantaloni. Ma, per i voli Parigi-Teheran, potranno indossare soltanto i pantaloni. Non solo: sopra dovranno mettere una giacca lunga e, nella fase d’atterraggio, un velo sulla testa. Ebbene, tante assistenti di volo si rifiutano a indossare il velo e chiedono di essere esonerate dal servizio su quella tratta.