tg - diregiovani

Nuova edizione del tg Diregiovani

Nuova edizione del tg Diregiovani

Arriva il reddito di inclusione per le famiglie

Mancano solo i decreti attuativi, previsti in approvazione nel mese di maggio, poi il Rei, ossia il reddito di inclusione, sosterrà oltre 400.000 famiglie, per un totale di quasi 1,8 milioni di persone. I beneficiari saranno famiglie con figli minori, disabili, donne in gravidanza e over 55 disoccupati in condizioni di disagio Nel Programma nazionale di Riforma, le risorse stanziate complessivamente per questo piano sono di 1,18 miliardi per il 2017 e di 1,704 miliardi per il 2018. Stando alle intenzioni del Governo, il Rei “sarà assegnato solo con l’adesione a un progetto personalizzato di attivazione e inclusione sociale e lavorativa”. Con il sussidio, che dovrebbe arrivare al massimo intorno a 480 euro al mese per 18 mesi rinnovabili, previsto anche il riordino delle prestazioni assistenziali. La misura è rivolta alle famiglie di italiani residenti ma anche a quelle degli stranieri con il permesso di lungo soggiorno.

Attacco ai calciatori del Borussia: è terrorismo

Per la polizia tedesca non ci sono più dubbi, quello perpetrato ai danni del bus con a bordo i calciatori del Borussia Dortmund è stato un atto terroristico. Per l’assurdo gesto, al momento, è stato fermato un 25enne iracheno vicino allʼIsis, mentre, un 28enne tedesco, appartenente ad ambienti islamici, è finito nel mirino della Procura. Vicino al bus danneggiato dalle esplosioni è stata rinvenuta anche una presunta lettera di rivendicazione dove si minacciano gli sportivi e le altre personalità di spicco delle “nazioni crociate”. Nella serata di ieri, comunque, la partita di calcio tra la squadra del Borussia e il Monaco si è svolta regolarmente segnando la vittoria dei francesi per 3 a 2. A decidere le sorti dell’incontro le reti di Mbappé, l’autogol di Bender, il gol di Dembelé e infine quello di Kagawa all’ 84’. Da segnalare anche il rigore sbagliato di Fabinho calciato fuori.

Isola dei famosi, vince Raz Degan

Come da copione, Raz Degan ha vinto la dodicesima edizione dell’Isola dei Famosi. Alla fine sembra, questo, anche il risultato più giusto, visto l’affetto che il pubblico dello show ha, sin dalle prime puntate, tributato all’attore israeliano. Raz Degan ha letteralmente surclassato il suo rivale Simone Susinna conquistando ben l’89% delle preferenze del pubblico italiano. Mai prima d’ora è successo che un protagonista di un reality show, allo scontro finale, ottenesse numeri così elevati. Nella classifica finale, al secondo posto il modello Simone Susinna mentre l’ex primadonna del Bagaglino, Eva Grimaldi, è arrivata terza. Nella cinquina finale posto anche per la cantante neomelodica Nancy e la pornodiva Malena, eliminata in apertura dell’ultima puntata. Al termine della trasmissione una grande festa ha visto riuniti tutti i partecipanti insieme a Alessia Marcuzzi, Stefano Bettarini e Vladimir Luxuria. A mancare proprio il vincitore che, secondo i ben informati, è corso immediatamente dall’amata Paola Barale, che ieri sera era presente in studio nel momento della proclamazione del trionfatore.

Rai Movie festeggia Thriller di Michael Jackson e celebra la sua carriera

A 35 anni dall’uscita di Thriller, arriva sul piccolo schermo “Spike Lee racconta Michael Jackson”. L’emancipazione della più grande star della musica pop, a partire dagli inizi con i Jackson 5 per giungere all’esordio solista di Off The Wall, viene raccontata nel documentario “Michael Jackson: viaggio dalla motown a Off the wall”, realizzato da Spike Lee nel 2016 e presentato da Rai Movie alle 00:30 nella notte di venerdì 14 aprile. La scelta della data di trasmissione non è casuale, in quanto il 14 aprile del 1982 l’artista iniziò a incidere il suo album più celebre e influente, Thriller, ai Westlake Studios di Los Angeles. Per giungere a quell’apoteosi la strada era stata in salita. Spike Lee racconta questo percorso attraverso una quantità di filmati di repertorio corredati da interviste con veri e propri luminari del mondo musicale contemporaneo.

Non aprite quella mail, WhatsApp chiamata persa il nuovo virus

Non c’è pace per gli utenti web e in particolare per quelli social. La nuova minaccia arriva direttamente sullo smartphone grazie a WhatsApp. Peggio può andare a tutti gli utenti collegati con WhatsApp web. Questa volta l’allarme arriva da Oltremanica. Gli esperti di sicurezza informatica di Eset avvertono: su WhatsApp viaggia una mail che nasconde un trojan. I dati personali sono a rischio sia se si utilizza lo smartphone sia nel caso della versione per pc della chat di messaggistica. La mail incriminata è identificabile grazie ad un titolo, quello di “chiamata persa”. Dietro si nasconde un finto file audio. Quello che non bisogna fare è schiacciare il tasto play. Non solo non parte alcun messaggio audio ma si avvia lo scarico del virus trojan. Al momento il file malevolo ha infettato un numero considerevole di utenti e non esiste ancora il modo di intercettarlo alla fonte. L’unica cosa da fare, consigliano gli esperti dell’Eset, è cestinare immediatamente la mail.