tg - diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

Inquinamento: oltre 3 milioni l’anno le morti premature per smog
Stando all’Organizzazione Mondiale della Sanità, vivere in città e metropoli industrializzate fa male alla salute. Una situazione, questa, che riguarda oltre l’80% delle persone che vivono in aree urbane. Nel mondo, si contano oltre 3 milioni di morti premature all’anno, la maggior parte di queste, concentrate nell’area povera del Globo, a causa dell’inquinamento atmosferico. Dai dati dell’ultimo rapporto dell’Oms, il 98% delle città, con più di 100mila abitanti, nei paesi a basso e medio reddito ha un inquinamento dell’aria che supera i limiti consentiti. Nei paesi ricchi, invece, il dato riguarda il 56% delle città. L’inquinamento è una delle principali cause di malattie cardiache, tumori al polmone, ictus e malattie respiratorie croniche e acute. Un quadro a dir poco sconfortante: l’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti effettua un costante monitoraggio dell’aria che respirano i cittadini e, soprattutto, riconosce l’inquinamento come pericoloso per la salute umana.

Donald Trump e Vladimir Putin si baciano su un murales in Lituania
Nonostante i glaciali rapporti tra America e Russia, il candidato alla presidenza negli Stati Uniti Donald Trump e il Presidente russo Vladimir Putin, sono stati ritratti, su un murales apparso ultimamente in Lituania, mentre si scambiano un bacio appassionato: l’artista, Mindaugas Bonanu, ha dipinto il bacio sul muro di un ristorante di Vilnius. Il proprietario del ristorante ha detto che il murales provocatorio sta “predicendo che se la Russia e gli Stati Uniti dovessero mai fare pace, questo avverrebbe negli Stati Baltici … con la lingua o senza”. Accanto alle figure dei due, possiamo leggere la frase: “Make everything great again”, un chiaro riferimento alla frase slogan della campagna di Trump “Make America great again. Molte persone si sono fatte dei selfie di fronte al dipinto, altre si sono fatte ritrarre nell’intento di emulare l’atto dell’immagine. Il murales in questione, allude al famoso “Socialist Fraternal Kiss” del 1979, tra il segretario Russo Leonid Brezhnev e il politico Tedesco Erich Honecker.

Cannes 2016: presentato il biopic su Neruda
Neruda di Pablo Larrain è il film protagonista della Quinzaine des Realisateurs, una selezione parallela a quella ufficiale del Festival di Cannes, per la terza giornata della kermesse francese, conclusa ieri. Dopo ‘Il club’, uscito nel 2015, il regista cileno porta sul grande schermo un ritratto del Premio Nobel per la letteratura Pablo Neruda, uno dei poeti più importanti della letteratura latino-americana contemporanea. Il punto di vista della storia sarà quello del poliziotto, che gli diede la caccia quando il poeta cileno divenne un fuggitivo a causa della sua iscrizione al Partito Comunista. Pablo Neruda, si unì al Partito Comunista cileno, venne eletto senatore e si scagliò contro l’arresto dei minatori in sciopero, una presa di posizione che gli costò l’arresto, divenendo, in seguito, un fuggitivo. In quello stesso periodo il poeta iniziò a scrivere Canto General, ode all’America Latina.

Antonino Cannavacciuolo, lite al Salone del Libro
Si è concluso ieri il terzo appuntamento del Salone del Libro, che si è aperto con la conferenza stampa dello chef stellato Antonino Cannavacciuolo, che ha presentato al pubblico il suo libro Il piatto forte è l’emozione. 50 ricette dal Sud al Nord. Ma non tutto è andato come previsto: nel corso della conferenza c’è stato uno spettatore che ha acceso la veracità del ‘2 stelle Michelin’ chiedendo: “Ma è vero che i ristoranti di Cucine da Incubo dopo il tuo passaggio sono peggiorati o addirittura falliti?”. Il gestore di Villa Crespi ha subito risposto in maniera aggressiva: “Stai dicendo solo str**zate! Non hanno chiuso! Mi gioco quello che vuoi che non è così!”. Calmati gli animi, Cannavacciuolo ha dichiarato: “Raga’, Cucine da Incubo è un racconto! E io sto facendo televisione …Se ti dico che devi entrare in cucina alle sette del mattino e tu invece continui a presentarti a mezzogiorno, Cannavacciuolo non può farci niente!” […]

Presentatrice meteo troppo sexy costretta a coprirsi in diretta
Libertè Chan, presentatrice meteo di un’emittente statunitense, è stata costretta a coprirsi in diretta, mentre stava conducendo l’edizione del mattino, perché considerata troppo sexy e provocante dai telespettatori. A seguito delle proteste ricevute via email, dalla regia le hanno portano un maglione per coprire il suo look succinto: un tubino nero e corto che lasciava intravedere le spalle e le sue gambe. La presentatrice, ignara di ciò che stava accadendo, ha chiesto: “Perchè un cardigan? Fa freddo? Sembro una bibliotecaria”. L’esternazione della meteorologa è stata commentata da una voce fuori campo: “Sì, una bibliotecaria a un cocktail party”. La scena ha suscitato qualche malumore sul web nei confronti del conduttore Chris Burrous, che è stato definito da più parti sessista per il gesto, interpretato come un’umiliazione per la collega.