tg - diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

Nuova edizione del Tg diregiovani

L’Oms avverte: 12,6milioni i morti per cause ambientali

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanita’ l”inquinamento ambientale sarebbe responsabile di 12.6 milioni di morti nel mondo. Di queste una su 4 sarebbe determinata da fattori di rischio ambientale legati al luogo in cui si vive o si lavora. In Europa, nel 2012, l’esposizione a fattori di rischio ambientale sarebbe costata la vita a 1,4 milioni di persone. Lo studio spiega che I fattori di rischio ambientale come l’inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo, le esposizioni chimiche, i cambiamenti climatici e le radiazioni ultraviolette, contribuiscono all’insorgenza di piu’ di 100 malattie e danni alla salute. Tra le soluzioni, l’Oms indica l’utilizzo di tecnologie e combustibili puliti. L’ incremento dell’accesso all’acqua potabile e a servizi igienici adeguati e una legislazione opportuna, che contrasti il fumo, ad esempio, ma anche l’inquinamento nelle citta’.

A Roma ​3000 studenti dal mondo per la simulazione ONU

Circa 3000 ragazzi sono arrivati nella capitale da tutto il mondo per partecipare alla “più grande simulazione ONU di sempre”, come dice la stessa organizzazione degli “Harvard WorldMun 2016”. Nei prossimi giorni, studenti “selezionati tra i migliori delle università di provenienza, sia pubbliche che private”, si confronteranno e deiscuteranno dei problemi del mondo, rappresentando commissioni e organismi dell’assemblea delle Nazioni Unite. Dopo il primo appuntamento all’ Hotel Sheraton Parco dei Medici, sono previste sessioni di dibattito e anche un’udienza papale, giovedì mattina in Vaticano. Poi una serata al Museo MAXXI . Per la cerimonia di chiusura, prevista per il pomeriggio di venerdì 18 marzo, saranno presenti il ministro per le Riforme Costituzionali, Maria Elena Boschi, il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e il direttore di Finmeccanica, Mauro Moretti.

Bologna è la città più smart, Milano seconda, Roma nona

E’ Bologna la città più smart d’Italia, poi vengono Milano, Torino e Mantova. Roma scala dal quarto al nono posto. Lo dice la classifica di “Smart City Index 2016″, rapporto presentato a Roma durante l’evento “Italia Smart” , che ha valutato le citta’ a maggiore evoluzione dei servizi grazie all’utilizzo di tecnologie. Gli indicatori utilizzati per stilare la classifica prendono in considerazione la capacità delle istituzioni di investire in servizi per i cittadini, l’esistenza di infrastrutture capaci di assorbire il cambiamento e l’abilità nel fornire alla comunità delle piattaforme integrate ed efficaci per l’erogazione dei servizi. Tra questi le infrastrutture per la diffusione della Banda Larga, i servizi digitali (infomobilità, scuola, sanità, turismo, @government), lo sviluppo sostenibile delle città (ambiente, reti energetiche, mobilità alternativa). Fanalino di coda il Sud: la prima città metropolitana in classifica – Napoli – occupa la 32esima posizione.

Arriva nella Capitale RomeCup

Nella capitale da oggi al 18 marzo sono attesi oltre 5mila studenti da tutta Italia, aziende, universita’ e centri di ricerca per evidenziare il ruolo e le potenzialità della robotica nel futuro del nostro Paese. La RomeCup, l’eccellenza della Robotica a Roma, promossa dalla Fondazione Mondo Digitale, compie dieci anni e torna con la formula di tre eventi in uno: area dimostrativa, competizioni e laboratori per le scuole. In parallelo alla RomeCup si svolgeranno le prime ‘Olimpiadi nazionali di Robotica Educativa’ indette dal MIUR e rivolte agli studenti della scuola secondaria di secondo grado. Nell’area espositiva ‘La fabbrica dei campioni’, i progetti delle scuole selezionati per la fase finale. Diregiovani.it è media partner dell’evento.

Chemical Brothers, Neil Young e Offspring: torna a Milano il Market Sound

Torna a Milano dal 4 giugno al 7 agosto, il Market Sound, iniziativa che portera’ una serie di eventi e concerti nell’area dei Mercati Generali di Milano. Il cartellone 2016 sfoggia la partecipazione di grandi artisti internazionali come i Chemical Brothers, Neil Young, gli Offspring e i Bad Religion. Poi ci saranno molti altri artisti, ma il calendario e’ ancora da ultimare. “Il cartellone sarà annunciato di settimana in settimana – ha commentato Tommaso Cavanna di Punk For Business, l’agenzia che organizza il festival – e ci saranno anche numerosi artisti italiani”. Tra gli eventi, invece, quest’anno torneranno anche il Blue Note Sunday Music Village, dedicato alla musica jazz e dintorni, oltre a UnaFestalungaUnGiorno con un mercato di piazza itinerante, artisti e workshop.