tg - diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

Nuova edizione del Tg Diregiovani

 

Nizza. La Farnesina conferma, cinque le vittime italiane

Con un comunicato sul proprio sito, la Farnesina ha informato che nel corso della notte le autorità francesi hanno formalizzato l’avvenuto riconoscimento di ulteriori quattro connazionali tra le vittime della strage di Nizza: Carla Gaveglio, Maria Grazia Ascoli, Gianna Muset e Angelo D’Agostino. Le famiglie sono state informate e hanno ricevuto tutta la necessaria assistenza da parte del personale del Consolato e dell’Unità di Crisi. Il Ministro Gentiloni e la Farnesina hanno espresso vicinanza e solidarietà ai famigliari e agli amici delle vittime del barbaro attentato. Proseguono intanto, le indagini sugli ultimi giorni della vita del terrorista fautore della strage: Mohamed Lahouaiej Bouhlel, si era radicalizzato negli ultimi mesi, seguiva la propaganda del sedicente Stato islamico su Internet e aveva recentemente cominciato a farsi crescere la barba per motivi religiosi.

Dai dog sitter allo yoga: ecco i corsi di laurea più strani

Si dice che più della metà dei mestieri che andranno a comporre il panorama lavorativo tra 20 o 30 anni, sono al momento sconosciuti. Cambia il mondo del lavoro, cambia la domanda e cambiano le modalità di formazione di giovani e meno giovani. Di conseguenza le scuole e le università non possono che adeguarsi. In che modo? Creando una serie di corsi di laurea triennali e magistrali che siano al passo con i tempi. E il risultato è decisamente fantasioso: si va dalla green economy, alla cosmetologia, dai video games allo yoga, dal non meglio specificato ‘Made in Italy’ fino all’immancabile enogastronomia e arte culinaria in tutte le sue sfaccettature. Tra le nuove professionalità spicca, però, quella del dog sitter a cui lasciare il proprio animale domestico quando si va in vacanza. A proporre nell’offerta formativa il corso di laurea in Scienze dell’allevamento e del benessere del cane e del gatto è l’ateneo di Bari. L’offerta in ogni caso è varia, basta solo fare la propria scelta.

Mya, il robot che aiuta a svolgere i colloqui di lavoro

D’ora in poi i colloqui di lavoro saranno semplificati. Tutto merito dell’intelligenza artificiale e di un robot di nome Mya. L’app nasce su FirstJob, la piattaforma per offerte di lavoro dove si affacciano ogni giorno centinaia di utenti in cerca di occupazione e funziona in maniera semplice. Mya è in grado di svolgere il 75% della fase di recruitment di qualsiasi azienda.  Mya è un chatbot, operativo anche Skype o Facebook, che sa interagire con i candidati. Nella pratica, pone loro domande per saperne di più sulle loro aspirazioni, obiettivi o sulle loro capacità. Non veri e propri colloqui di lavoro quindi ma un aiuto per renderli più snelli. Una volta effettuata la “chiaccherata” con il candidato, Mya stila una classifica di quelli che ritiene più meritevoli e la fornisce a chi, in carne e ossa, si occupa dei colloqui. Si riesce, così, a ottenere una panoramica più approfondita su chi ha mandato il proprio curriculum all’azienda. Un’opportunità per avere più chance di passare le selezioni.

Musically, l’app dei giovanissimi tra musica e video

Sta spopolando tra i giovanissimi americani e in molti sono pronti a scommettere che anche in Europa sarà presto “Musically mania”. Si tratta di un’app scaricabile gratuitamente per iOs e Android e consente agli adolescenti di condividere video mentre emulano in tutto e per tutto le star che cantano le loro canzoni preferite. Cimentarsi in una performance acchiappa like è semplicissimo: basta scegliere il titolo del brano, fare un filmato di 15 secondi e lavorarlo scegliendo filtri ed effetti speciali che fanno al caso proprio. È una community a tutti gli effetti, si segue e si hanno dei seguaci, si condivide e si può commentare. Sono oltre 100milioni gli schermi degli adolescenti che usano giornalmente l’app. Un social facile e immediato che sembra piacere anche agli artisti e ai cantautori più famosi. Sono tante, infatti, le celebrities che lanciano sfide e messaggi e si dicono alla ricerca delle interpretazioni più originali e convincenti.

Terzo divorzio per Drew Barrymore

Non c’è due senza tre per Drew Barrymore, pronta a firmare di nuovo le carte del divorzio. Il terzo, appunto. Anche le nozze con l’esperto d’arte Will Kopelman, da cui sono nati due figli Olive (di 3 anni) e Frankie (di 2 anni), sono giunte al capolinea. A dare notizia della separazione è stato il New York Daily News. Secondo il quotidiano, l’attrice avrebbe consegnato i documenti dell’istanza di divorzio alla Corte Suprema di Manhattan venerdì scorso. Il matrimonio con Kopelman, avvenuto nel 2012, è stato il più duraturo per l’attrice. I primi due, quello con Jeremy Thomas nel 1994 e Tom Green nel 2011, sono durati meno di un anno. Nel 1982, Drew Barrymore ha recitato il ruolo di Gertie in E.T. l’extra-terrestre di Steven Spielberg, diventando rapidamente una delle attrici bambine più riconosciute di Hollywood. Non tutti sanno inoltre, che è la madrina di Frances Bean Cobain, unica figlia di Kurt Cobain e Courtney Love.