tg - diregiovani

Tg Diregiovani – Edizione del 15 settembre 2017

Tg Diregiovani – Edizione del 15 settembre 2017
 

Domanda di cacao mette a rischio le foreste africane
Foreste a rischio in Costa D’Avorio e Ghana. La causa l’innalzamento della domanda di cacao a livello mondiale. In questi luoghi, infatti, sempre più alberi centenari e foreste pluviali vengono bruciati senza pietà per fare posto a coltivazioni illegali delle piccole fave nere. A comprarle grossi marchi internazionali di una certa fama. A denunciarlo un’inchiesta condotta ‘The Guardian’. Secondo il quotidiano inglese, i raccolti illegali sono poi mischiati con quelli ottenuti in modo legale rendendo difficile ricostruire gli illeciti. In totale, ad oggi ci sarebbe l’80% di foreste pluviali in meno rispetto al 1960. L’impatto negativo è anche sugli animali. In Costa d’Avorio la deforestazione ha ristretto l’habitat degli scimpanzé a piccole aree, mentre la popolazione di elefanti si è ridotta ad appena 200-400 esemplari.

Da “ciaone” a “fake news”: ecco il nuovo Devoto Oli
A 50 anni dalla prima edizione il Devoto Oli si rinnova indossando una nuova veste, quella online, e mostrando grande attenzione per i neologismi tipici della società contemporanea. Ecco allora che vocaboli come “webete” e “fake news” entrano di diritto fra le 1500 nuove parole inserite nel vocabolario. Tra queste anche “ciaone”, “brexit”, “home restaurant” e “schiscetta”. In totale, l’opera, concepita da Giacomo Devoto e Gian Carlo Oli a cui si sono aggiunti gli autori Luca Serianni e Maurizio Trifone, conterrà oltre 70.000 voci e 250.000 definizioni nelle versione cartacea e 110.000 voci e altre 300.000 definizioni in quella digitale. Il vocabolario è anche scaricabile su smartphone e tablet IOS e Android.

Delta del Po, 300 giovani da tutto il mondo per il rilancio del turismo
Oltre 300 giovani da 85 Paesi sparsi per tutto il mondo, compresa la Corea del Nord, saranno in Veneto nei prossimi giorni per partecipare allo Youth forum del Mab (Man and the biosphere programme), dedicato alla Biosfera del Delta del Po, area riconosciuta dall’Unesco. L’evento ha l’obiettivo di “individuare un nuovo rapporto di coesistenza tra attività umane e sviluppo sostenibile”, spiega Cristiano Corazzari assessore regionale ai Parchi ed al Territorio, per “un’area, quella del Delta del Po, che è unica al mondo”, e vanta alcune caratteristiche particolarmente importanti, come la presenza di oltre 360 specie di uccelli, o il litorale sabbioso non antropomorfizzato più lungo d’Italia. Per permettere ai giovani coinvolti di conoscere il territorio in questione, le sedi degli incontri varieranno, e tutti i comuni del Delta ospiteranno parte dell’evento.

Negramaro, a novembre il nuovo album
17 novembre. E’ questa la data in cui uscirà l’attesissimo album dei Negramaro, il settimo della band, composto da 12 brani inediti. Il nuovo progetto discografico arriva a due anni di distanza da “La rivoluzione sta arrivando”, che ha ottenuto la certificazione multi platino, numerosi riconoscimenti e prestigiosi premi. Eccellenza del rock italiano, i Negramaro, attivi da oltre 15 anni, hanno alle spalle 6 dischi di inediti, 1 raccolta, 1 album dal vivo, 4 DVD e più di 30 hit radiofoniche di successo. Di grande rilievo è anche la loro dimensione live. La band, infatti, dall’inizio della propria carriera, ha registrato numeri sbalorditivi in tutti i tour, dalle piazze ai teatri, dai palazzetti agli stadi .

Antonio Banderas abbandona Mulino Bianco
Antonio Banderas abbandona Mulino Bianco. A sostituire l’attore spagnolo arrivano Giorgio Pasotti e Nicole Grimaudo. Sono loro i volti scelti per la nuova campagna al cinema da ieri e in tv e web dal 17 settembre. Il nuovo spot è ideato in collaborazione con J. Walter Thompson. Pasotti e la Grimaudo sono, rispettivamente, Giovanni ed Emma. Giovani ed idealisti che credono che si possa vivere in un posto migliore e per questo si impegnano quotidianamente. Emma è una donna che ha imparato le basi dal padre e, dopo un po’ di anni di esperienze in forni e pasticcerie in vari contesti, è tornata al Mulino. Giovanni, invece, ha una laurea in agraria arricchita con alcuni anni di lavoro come consulente in diverse aziende agricole. Le nuove storie, consentono di celebrare i valori fondanti della marca: la natura, la genuinità e il saper fare dal campo alla tavola.