tg - diregiovani

Tg Diregiovani – Edizione del 23 giugno 2017

Nuova edizione del Tg Diregiovani

Trump, un muro di pannelli solari contro il Messico
“Stiamo pensando di costruire il muro come un muro solare, qualcosa che crei energia e si autofinanzi. In questo modo il Messico dovrà pagare molto meno. Ha senso, no?”. Sono le parole del presidente Trump che in Iowa, torna a parlare della costruzione del muro con il Messico, cavallo di battaglia della sua campagna elettorale. Un progetto ambizioso bloccato fino ad oggi dal costo dell’opera. L’idea dei pannelli però sembra essere la soluzione. Per trovare una soluzione ai costi del muro circa 200 aziende hanno aderito al bando del Dipartimento di sicurezza nazionale statunitense. Tra queste anche la società Gleason Partners di Las Vegas, che ha proposto di coprire alcune sezioni del muro con pannelli solari in grado di generare elettricità per l’illuminazione del muro e delle stazioni della polizia di frontiera.

Emergenza siccità in Italia
Con il crescente caldo è allarme siccità in tutta Italia. Dopo un inverno poco piovoso, in cui anche la neve ha tardato a far visita, le risorse idriche cominciano a scarseggiare. E a rischio non è solo la vita quotidiana ma anche raccolti e bestiame. A Parma e Piacenza il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni, ha deliberato la dichiarazione dello stato di emergenza. I rilevanti afflussi turistici in questi territori hanno determinato un considerevole aumento delle esigenze idropotabili in contrasto con l’attuale crisi idrica. Nella pratica a entrambe le città arriveranno otto milioni e 650.000 euro per affrontare l’emergenza siccità. In più sono state fatte delle deroghe alle norme nazionali per assicurare la fornitura di acqua potabile alla popolazione (anche mediante autobotti) e per potenziare l’approvvigionamento di acqua con interventi strutturali.

Con PLATO l’Italia vola a caccia di pianeti nello Spazio
Italia in prima fila per la missione PLATO, il satellite spaziale europeo pronto al lancio nel 2026.
Il cacciatore di pianeti sarà calibrato per individuare quei mondi rocciosi che orbitano nella cosiddetta zona abitabile, tutta quella regione intorno a una stella dove è possibile che l’acqua si presenti allo stato liquido. Con i suoi 26 piccoli telescopi, PLATO setaccerà un milione di stelle per più di 4 anni, alla ricerca di sistemi planetari adatti alla vita come noi la conosciamo. La missione ha ricevuto il via libera dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA), come parte del programma Cosmic Vision per i progetti di esplorazione spaziale tra il 2015 e il 2025. La missione sarà lanciata nel 2026 con un razzo Soyuz-Fregat dalla Guyana Francese e andrà a inserirsi in orbita attorno al punto Lagrangiano L2, uno dei punti di equilibrio del sistema Sole-Terra, a 1,5 milioni di chilometri da noi.

Da corsi a sfilate virtuali, a Bologna arriva Fashion research Italy
Dai rendering alla realtà delle passerelle (virtuali). Dopo quasi due anni di gestazione, per un totale di circa quattro anni di lavoro, a Bologna apre i battenti il Fashion research Italy, il polo bolognese della moda che sarà inaugurato il prossimo 21 ottobre. La struttura, 7.000 metri quadrati, sarà la sede della Fondazione omonima, di cui è presidente Alberto Masotti, già patron de La Perla, che ha investito nel progetto circa 15 milioni di euro, e comprenderà al suo interno aule didattiche, laboratori, spazi espositivi e un archivio di libri e disegni di textile design. Durante la presentazione alla stampa sono stati svelati la passerella ‘multimediale’ per la riproduzione di sfilate virtuali, con l’ausilio di otto monitor da 85 pollici, e l’imponente Statua di luce, visibile da tutti e tre i piani dell’edificio, ispirata alla figura femminile e composta da oltre 21.000 led inseriti all’interno di 5.280 sfere bianche.

Han Solo, Ron Howard dirigerà lo spin off di Star Wars
Ron Howard dirigerà lo spin off di Star Wars, Han Solo. A renderlo noto è LucasFilm. Il premio Oscar per A beautiful mind sostituisce i registi Phil Lord and Chris Miller, licenziati dopo una serie di divergenze con il capo di LucasFilm e produttore Kathleen Kennedy e con l’autore e produttore esecutivo Lawrence Kasdan. I registi di The Lego Movie, secondo i rumors, volevano inserire nel film più humor. In più avrebbero preferito inserire anche più improvvisazione. Un’idea che Kasdan non ha apprezzato. Dato il ritardo e la mole di lavoro che rimane per il film, Ron Horward comincerà a lavorare sin da subito. C’è da rivedere quello che è stato fatto ed eventualmente girare nuovamente scene già pronte.