se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Pensavo che il ritardo fosse dovuto al fatto che non avevo rapporti ma…

Salve, avrei bisogno cortesemente di una consulenza affidabile… intanto mi presento, sono Giorgia e ho 19 anni, ho avuto un rapporto occasionale con un ragazzo l’altro giorno proprio due giorni prima del mio regolare ciclo, chiaramente è stato un rapporto protetto neppure completo visto che lui non ha eiaculato, tuttavia ho un ritardo di 11 giorni. Non ho preoccupazioni circa una gravidanza in quanto la circostanza non lascia alcun spiraglio di dubbio, però ammetto di essere preoccupata… ho un ciclo molto regolare che al massimo si sballa di 2/3 giorni…inizialmente pensavo che il ritardo fosse dovuto al fatto che non avevo rapporti sessuali da circa un anno e che quindi fossi soggetta ad uno squilibrio ormonale tuttavia sono preoccupata… secondo voi a cosa è dovuto il mio ritardo anomalo?

Giorgia, 19 anni


Cara Giorgia,
a volte i ritardi possono essere legati a molteplici fattori come fisiologiche oscillazioni ormonali, variazioni ciclo sonno/veglia, drastiche diete, assunzione di droghe e/o farmaci, la presenza di cisti ovariche o di infezioni vaginali, ma soprattutto possono essere correlati ad un forte stress emotivo. Quando si verifica una situazione di stress vengono prodotti due ormoni il cortisolo e l’adrenalina che ci consentono di far fronte a una situazione di emergenza. Se la situazione si prolunga la reazione “ormonale” di allarme va ad influenzare l’ipotalamo, dove risiedono anche le strutture di controllo del ciclo mestruale. Ciò può causare un blocco dell’ovulazione, o un’alterata produzione del progesterone, per cui le mestruazioni possono presentarsi in anticipo, o ritardare, saltare completamente, o presentarsi con fenomeni di spotting, cioè perdite scarse e scure.
Se hai dei dubbi, puoi effettuare un test di gravidanza facilmente reperibile in farmacia, valido sin dal primo giorno di ritardo oppure dopo 12/14 giorni dal presunto rapporto a rischio,ma ci sono diversi fattori che non fanno presupporre rischi di gravidanza come la mancata eiaculazione e il tuo essere fuori dal periodo fertile.
E’ difficile se non impossibile in una consulenza online poter dare delle diagnosi in quanto non abbiamo una dettagliata anamnesi e strumenti diagnostici di approfondimento, molto probabilmente potrebbero essere legati ad un momentaneo periodo di stress ad una oscillazione ormonale, ma per capire bene la natura del ritardo è importante rivolgerti alla tua ginecologa di fiducia, che conoscendoti avrà modo di approfondire i sintomi non funzionali. A volte ci spaventa o ci dà noia andare dal medico, spesso anche perchè ci si sente incompresi, come se fossimo solo un sintomo, ma è importante ascoltare il corpo proprio per non alimentare poi un circuito di ansia e preoccupazioni. L’informazione è l’unico elemento che ci permette di gestire le paure.
Speriamo di essere stati di aiuto!
Un caro saluto!