se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Ho letto su internet di squirting..penso sia ciò che è successo a me…

Ho letto su internet di squirting.. penso sia ciò che è successo a me… A seguito di un forte orgasmo ho avuto un eiaculazione grossa e liquida… in parte forse anche pipì… potrebbe succedere qualcosa? Se il mio ragazzo
ne avesse ingerita un po’? Ci sono particolari rischi?
attendo risposta!

Anonima


Cara Anonima,
l’eiaculazione femminile è è un argomento molto dibattuto in letteratura scientifica; meglio conosciuta con la parola inglese squirting, ed identifica il momento in cui le donne possono raggiungere il culmine del piacere eiaculando.
Alcune ricerche sottolineano come lo squirting sia una specie di riflesso incondizionato, innescato stimolando solo il clitoride, oppure, molto più frequentemente, sollecitando la parte iniziale della vagina, nella parete anteriore, su cui è appoggiata la vescica. Una zona che molti conoscono con il termine “punto G”, denominata complesso clitoro-uretro-vaginale. Questa stimolazione sollecita direttamente la vescica, e sembra favorire tutto il processo.
Il sintomo che la donna avverte quando sta per arrivare all’eiaculazione è quello di urinare, ma in realtà sono le ghiandole di Skene, che hanno la funzione di lubrificare la vagina e che, quando vengono stimolate, si riempiono di liquido fino al raggiungimento dell’orgasmo. E’ proprio a questo punto che si svuotano provocando la fuoriuscita di un liquido simile allo sperma maschile.  E’ una secrezione inodore e incolore che viene espulsa grazie alle contrazioni dell’orgasmo. Viene descritta dagli esperti come l’equivalente dell’eiaculazione maschile e si verifica sotto forma di schizzo o getto prodotto dalla vagina,quando si raggiunge il picco del piacere. Al contrario di quanto pensano molti, però, non è urina. Seppur ​prodotto dal rene, immagazzinato nella vescica e infine espulso attraverso l’uretra, questo liquido è molto diluito e somiglia più che altro all’acqua.  
Analizzandolo in laboratorio è stato scoperto che è molto simile allo sperma, infatti contiene un’alta quantità di PSA (Antigene Prostatico Specifico), un enzima che negli uomini viene secreto dalla prostata ed emesso durante l’orgasmo.
In merito ai tuoi timori, puoi stare tranquilla non ci sono pericoli o rischi.
Un caro saluto!