se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Con il mio ragazzo pratichiamo il coito interrotto, ma ho un ritardo di 7 giorni…

Salve, sono una ragazza di 16 anni, il mio ciclo mestruale è regolare con un ritardo massimo di 4/5 giorni, fino ad ora ho avuto rapporti con il mio ragazzo praticando il coito interrotto,senza particolari problemi. L’ultima volta ho avuto le mestruazioni giorno 04/02 con la durata di circa 5 giorni. Una settimana fa ho avuto un rapporto con il mio ragazzo senza preservativo, sempre con il sistema descritto precedentemente. Lo sperma non è arrivato subito ma bensì dopo avergli fatto una sega.Attualmente ho quindi un ritardo di 7 giorni e sto iniziando a preoccuparmi. É probabile che il ritardo sia dovuto a una possibile gravidanza? Già posso fare il test?

Alessandra, 16 anni


Cara Alessandra,
il coito interrotto per quanto sia un metodo anticoncezionale piuttosto diffuso, non è affatto sicuro perchè in un momento di forte eccitazione e di massimo piacere, potrebbe non essere facile avere un completo controllo del proprio corpo. E’ sempre consigliabile avere rapporti protetti sin dagli inizi.
Oltre alla eiaculazione interna, affinchè avvenga un concepimento, la donna deve trovarsi anche nel suo periodo fertile, quando quindi l’ovulo è maturo per essere fecondato. Considera che in una donna con ciclo regolare di 28 giorni, il periodo fertile cade tra l’11° e il 18° giorno. Facendo un calcolo approssimativo, ci sembra di capire che il rapporto non sia avvenuto durante questo periodo e questo potrebbe essere un fattore protettivo.
Purtroppo non possiamo darti delle certezze assolute, come tu stessa scrivi ci sono anche dei ritardi da considerare che potrebbe far oscillare i calcoli.
Il test di gravidanza va effettuato almeno dopo 12-14 giorni dal rapporto, ovvero il tempo che occorre affinchè l’ovulo venga fecondato, risalga le tube di Falloppio e si impianti sull’endometrio, solo allora il corpo inizierà a rilasciare l’ormone della gravidanza. Solitamente si consiglia di effettuare il test dal primo giorno di ritardo del ciclo, in modo da essere sicuri che questo sia davvero attendibile.

Generalmente il ritardo del ciclo potrebbe essere attribuito anche ad altri fattori come un forte stress emotivo o fisico, cambiamenti repentini degli stili di vita o dell’alimentazioni, oscillazioni ormonali. Potrebbe essere utile confrontarti con la tua ginecologa di fiducia in modo che possiate valutare in maniera più approfondita tutte le variabili e valutare eventualmente anche altre modalità di contraccezione. Puoi anche recarti in un Consultorio della tua zona, se ti è più comodo.
Facci sapere come procede…
Un caro saluto!