se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Dopo ellaone sono al 13 giorno di ritardo, che devo pensare?…

Ciao,ho avuto un rapporto a rischio il 18 (lunedi), secondo un’ app due giorni dopo avrei avuto l’ovulazione. Giovedì prendo la pillola dei 5 giorni dopo. Sabato parto per l’Inghilterra.
Il 4 dovrebbe venirmi il ciclo ma non arriva, il 12 vado in un centro dove mi convincono a fare il test di gravidanza. Negativo. Non sono incinta, confermato con 2 test. Oggi sono al 13 giorno di ritardo del ciclo.
Che devo pensare? …lo stress ? Ellaone?
Che mi consigliate di fare?
Grazie

Glassansia, 35 anni


Cara Glassansia,
se hai assunto la pillola nei tempi e nei modi corretti puoi stare tranquilla in quanto ha un’altissima probabilità di efficacia, ricorda che EllaOne agisce fino a 120 ore (5 giorni). Quindi comprendiamo la tua preoccupazione ma sembra che tu abbia seguito le procedure corrette di assunzione del contraccettivo di emergenza, e quindi puoi stare abbastanza tranquilla, visti anche i risultati negativi dei due test. Non specifici che tipo di test di gravidanza hai eseguito, ma ti può essere utile sapere che il test tramite le analisi del sangue in laboratorio, forniscono risultatati attendibili senza possibilità di errore.
Inoltre devi sapere che se EllaOne è assunta prima della presunta ovulazione, la pillola inibisce l’ovulazione, inoltre, nel caso in cui l’ovulo fosse già stato fecondato, essa induce delle alterazioni dell’endometrio che inibiscono la ricettività endometriale per il suo impianto. E’ anche vero che potrebbero esserci delle oscillazioni del ciclo successivo, il quale potrebbe presentarsi con un piccolo anticipo oppure in ritardo, come nel tuo caso. Di solito queste irregolarità dovrebbero rientrare entro un paio di mesi.
In definitiva, ti consigliamo di attendere serenamente l’arrivo del prossimo ciclo, e se dopo 4 settimana dall’assunzione della pillola non dovesse presentarsi il flusso mestruale prova a rivolgerti al tuo ginecologo di fiducia per valutare la situazione.
Un caro saluto!