se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Con il mio ragazzo, in situazioni di scherzo… ho reagito male , arrabbiandomi e dandogli schiaffi o gomitate!…

Non sapevo bene l’area adatta…. comunque.
Ho 16 anni e sono fidanzata da un anno con un ragazzo della mia stessa età. Andiamo molto d’accordo, ma io ho qualche problema che riscontro già da vari anni , anche col rapporto che ho con i miei genitori : quando sono nervosa, agitata, stressata o qualcosa non mi va per il verso giusto, inizio ad avete un atteggiamento aggressivo (però soltanto con chi realmente amo , tipo prima con i miei , adesso solo col mio ragazzo) iniziando ad avere un tono scorretto e così anche il linguaggio. Inoltre più volte con il mio ragazzo mi sono ritrovata a parlare di ciò che faremo o io o lui se dovessimo lasciarci e frequentare altri; io ho risposto dicendo "uccido te , la tua nuova amichetta e poi mi uccido io. O sei mio o di nessun altra".
tempo che la situazione possa degenerare anche perché in situazioni di scherzo in cui il mio ragazzo osservava innoquamente e per sbaglio immagini di ragazze (è successo solo una volta) io ho reagito male , arrabbiandomi e dandogli schiaffi o gomitate. Lui l ha solo preso come un gioco , come solo un po di gelosia , ma io ho paura di essere così. So che la situazione può peggiorare. So che posso diventare pericolosa. Che posso fare?,Simona, 16 anni,19-05-2015,Affettività,

Cara Simona,
non deve essere per nulla facile riuscire a confrontarsi con quella sensazione, che a volte chiamiamo rabbia, e che fa magari tremare la mano senza che si riesca a metterci un pensiero e un freno; con quella difficoltà a controllare emozioni forti e forse distruttive che ci fanno sentire minacciate.
A volte quella aggressività che proviamo verso gli altri potrebbe nascondere la percezione di un senso di minaccia, ci sentiamo più fragili più vulnerabili e allora nel difendere questi aspetti più intimi attacchiamo per primi. Colpiamo gli altri forse perché ci sentiamo in difficoltà? Perchè abbiamo paura di perdere qualcosa, forse una parte di noi? Perché non ci sentiamo all’altezza? Perché non riusciamo a gestire le aspettative degli altri? Perchè pensiamo di non essere pronti per affrontare cambiamenti?
A volte la maschera dell’aggressività ci serve anche per difenderci da delusioni che non riusciremo ad affrontare.
Non conosciamo bene la tua storia, abbiamo poche informazioni, però crediamo che hai fatto già un passo molto importante, hai chiesto aiuto, e questo metterti in discussione è già indice di grandi risorse che hai e che devono trovare il modo giusto per emergere.
Magari puoi provare a vedere, anche se ormai siamo agli sgoccioli, se nella tua scuola c’è uno sportello di ascolto così da avere uno spazio neutro in cui portare la tua storia e le tue emozioni, uno spazio protetto dove non c’è alcun giudizio ma solo accoglienza. Oppure potresti pensare, parlando con i tuoi genitori, di cercare uno psicologo che possa aiutarti a confrontarti con queste forti emozioni difficili da controllare.
Non devi andare da uno psicologo perché sei pericolosa, non pensiamo affatto ciò, ma crediamo che a volte certi comportamenti siano un segnale che ci spingono a riflettere sulla necessità di trovare nuovi equilibri e nuove forme per esprimerci.
Rimane anche questo spazio per te, puoi scriverci quando vuoi magari aggiungendo qualche informazione in più su di te.
Un saluto caro.