se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Il mio ragazzo non è riuscito a venire, perché con il preservativo non sentiva niente…

Gentile dottore,
Le scrivo per avere dei chiarimenti su alcuni dubbi.
Il 18 ottobre ho avuto un rapporto con il mio ragazzo, inizialmente senza preservativo ma solo per pochi minuti, dopo lui ha indossato il preservativo e abbiamo continuato però nell’atto questo si è rotto cosi lo abbiamo sostituito ma lui non è riuscito a venire, perché lui diceva che con il preservativo non sentiva niente così l’ha tolto e abbiamo continuato senza per qualche minuto poi ci siamo fermati perché lui non riusciva a venire. Quando ci siamo rivestiti lui si è eccitato nuovamente e abbiamo avuto un rapporto di 3 o 4 minuti senza preservativo, e lui è riuscito a venire ma cmq fuori e lontano da me. Il mio ultimo ciclo l’ho avuto il 5 ottobre fino al 10 quindi il 18 non dovrebbe essere giorno fertile. Tuttavia mi chiedo Perché lui non riusciva a venire? Comunque tengo a precisare che non era la prima volta che aveva un rapporto, però era la prima volta che lo facevamo a casa sua e lui dice che aveva paura che tornassero i suoi. Inoltre nell’intervallo in cui abbiamo cambiato preservativo lui ha perso un po l’erezione. Possono essere queste le cause del fatto che lui non sia riuscito a venire? E perché dopo poi senza preservativo è riuscito a venire? Grazie in anticipo per le risposte.,

Cara Anonima,
ci sembra di capire che sia stato un rapporto con coito interrotto, e questo non è un metodo contraccettivo sicuro ed efficace, proprio perché è difficile avere il completo controllo sul proprio corpo.
È importante sottolineare che per vivere una sessualità serena, sarebbe meglio utilizzare sempre il preservativo fin dall’inizio de rapporto, che inoltre protegge anche da malattie sessualmente trasmissibili.
Nel tuo caso specifico ci sembra che non ci siano grossi rischi, dal momento che non c’è stata una eiaculazione interna.
Per quanto riguarda invece l’erezione, tendenzialmente si può pensare che essa sia legata solo all’eccitazione e quindi ad un fattore esclusivamente organico. Invece ci sono diversi fattori che possono incidere oltre agli ormoni e alle disfunzionalità organiche come le emozioni, l’ansia e lo stress.
Magari, come tu stessa suggerisci, il fatto che potessero arrivare i genitori, può aver creato uno stato di ansia eccessivo per cui lui si è inibito.
Se è solo un problema emotivo, siamo sicuri che accogliendo di più le ansie, con la vostra complicità riuscirete a vivere la sessualità in maniera più serena.
Speriamo di avere chiarito alcuni tuoi dubbi.
Un caro saluto!,Anonima, 18 anni,19-10-2015,Sessualità-SeSso è meglio,coito interrotto