se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Premetto che l’imene non si è rotto e probabilmente è rimasta vergine…

Salve,
vi racconto in breve cosa mi è successo. Il 9 agosto io e la mia ragazza abbiamo avuto due rapporti non protetti. Dopo il primo rapporto sono venuto fuori, mi sono asciugato con un asciugamano e dopo 10 minuti l’abbiamo fatto di nuovo. Sono venuto di nuovo fuori però forse una goccia di sperma è entrato. Premetto che l’imene non si è rotto e probabilmente è rimasta vergine poiché il pene è entrato di 2-3 cm. Il 17 agosto a lei sono venute le mestruazioni abbondanti di colore rosso durate 4 giorni. Ieri ha avuto lo spotting e domani le dovrebbero venire le mestruazioni. C’è qualche possibilità che lei sia incinta? Scusate se mi sono dilungato troppo ma sono preoccupato.

Carlo, 18 anni


Caro Carlo,
hai fatto bene a raccontare tutto nel dettaglio così abbiamo un quadro più preciso della situazione e possiamo darti una risposta puntuale.
Da ciò che dici in entrambi i casi l’eiaculazione è avvenuta al di fuori. Il fatto che l’imene non si sia rotto non è la conferma che la tua ragazza non sia più vergine e che quindi il rapporto non si sia concluso. Infatti non sempre c’è la rottura della membrana con conseguente sanguinamento dal momento che in alcune donne l’imene è molto elastico e può rimanere sempre intatto o rompersi nei rapporti successivi.
Ad ogni modo, dal tuo racconto, ci sembra di capire che ci sono state solo delle brevi penetrazioni e, a fronte dell’arrivo del ciclo, ci sentiamo di tranquillizzarti su una possibile gravidanza.
Cogliamo l’occasione per mettere l’accento sull’importanza della contraccezione già dai primi approcci, il coito interrotto non è un metodo affidabile e potrebbe essere molto rischioso, soprattutto quando i rapporti sono consecutivi.
Detto ciò riteniamo che possiate aspettare serenamente l’arrivo del prossimo ciclo.
Un caro saluto!