se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Ho paura di aver avuto un falso ciclo in questi mesi. Potrei essere incinta?…

Salve sono presa da un dubbio.
Ho avuto un rapporto non protetto il 30 giugno giorno in cui mi trovavo al secondo giorno di mestruazioni. Il giorno dopo il ciclo era diminuito.Ho atteso quindi con ansia l arrivo delle mestruazioni le quali sono tornate il 26 luglio con i soliti dolori ma con flusso leggermente minore rispetto al mio solito quindi con una durata di tre giorni per poi avere solo le macchie rispetto ai miei quattro giorni pieni e poi le macchie. Nei mesi successivi il ciclo è sempre tornato ma sempre con mutamento nel flusso: per esempio questo di settembre ho avuto un primo giorno di macchie due di flusso e poi uno di macchie. La mia paura é quella di avere avuto in questi mesi un falso ciclo e quindi di non sapere di essere incinta. Per la grande paura venerdì ho fatto un test di gravidanza purtroppo eseguito nel pomeriggio il quale é risultato negativo . Io però continuo ad aver paura e a vedere la mia pancia gonfia; secondo voi é sola la paura che mi fa immaginare e pensare di essere incinta ? Secondo voi è stato un falso ciclo in questi mesi ? Sono incinta secondo voi ? La pancia in caso si dovrebbe vedere ?
La ringrazio per un eventuale risposta. Cordiali saluti
Ginger, 17 anni

Cara Ginger,
da quello che ci scrivi ci sembra di aver capito che il rapporto  a rischio è avvenuto nei giorni della mestruazione e quindi potenzialmente giorni non fertili.
Per far si che ci sia un concepimento è necessario che avvenga un rapporto completo ossia inteso come una eiaculazione interna proprio nel periodo stimato per la maturazione di un potenziale ovulo fecondabile.
Ci racconti, inoltre, che le mestruazioni sono tornate, anche se con qualche variazione e che in ultimo hai effettuato un test di gravidanza. Solitamente è consigliabile farlo la mattina, perché c’è una maggiore concentrazione di ormoni nelle urine, ma nel tuo caso essendo passati quattro mesi dal rapporto a rischio, questa accortezza risulta superflua.
Le variazioni del ciclo sono molto comuni in giovani donne come te e il più delle volte non sono riferibili né a  gravidanze né a stati patologici.
Considera che i ritmi biologici sono altamente influenzabili da fattori interni e ambientali. Le modifiche nei livelli ormonali del sangue possono determinare un cambiamento ma anche l’alternarsi delle stagioni e le variazioni che facciamo  nell’alimentazione possono interferire.
Non ultimo vi è lo stress che sembra giocare a volte un ruolo importante nella regolarità del ciclo mestruale.
Insomma il nostro apparato riproduttivo  sembra essere davvero permeabile e quindi è possibile aspettarci delle sorprese nel corso del tempo.
Ci piacerebbe a questo punto farti riflettere sul perché di una paura così grande e sul fatto che questa sembri non trovare alcuna rassicurazione. Cerca di pensare se esiste un motivo in questo periodo per essere particolarmente preoccupati e riversare sul timore della gravidanza uno stato di tensione già pre-esistente.
In ogni caso ti consigliamo di proteggere sempre e fin dall’inizio i tuoi rapporti, in modo da vivere più serenamente la tua sessualità.
Speriamo di esserti stati d’aiuto; torna a scriverci quando vuoi.
Un caro saluto!