se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Ho preso Ellaone due volte di seguito ed ora non arriva il ciclo…

Salve, ho bisogno di un’informazione.
Premetto che solitamente ho un ciclo regolare di 28-30 giorni e la mia ultima mestruazione risale a giorno 1 novembre. Durante quello che approssimativamente ho calcolato come periodo fertile ho avuto diversi rapporti non protetti con il mio ragazzo e a distanza di tre giorni mi sono ritrovata ad assumere due volte la pillola Ellaone a causa del fallimento del coito interrotto. Attendo il ciclo dal 29 novembre ma ancora non ho avuto nessun sintomo. Ho già fatto due test di gravidanza con quattro giorni di distanza l ‘uno dall’altro come indicato nel foglio illustrativo ma entrambi sono risultati negativi. Può essere che le pillole mi abbiano causato un ritardo così notevole o è probabile che ci sia una gravidanza in corso? Vi prego di aiutarmi e consigliarmi su quello che posso fare.

Camilla, 20 anni


Cara Camilla,
l’assunzione della pillola dei cinque giorni dopo implica un’introito ormonale notevole nell’organismo di una donna e ancora di più se l’assunzione viene ripetuta in un tempo breve. Questa condizione può facilmente portare ad alterazione del ciclo mestruale con ritardi significativi.
Tuttavia vogliamo specificare che la contraccezione di emergenza, come da dicitura, dovrebbe essere assunta solo in caso di urgenza e non diventare un abitudine proprio per i numerosi effetti collaterali che può avere sull’organismo.
Per questo motivo ti suggeriamo di considerare metodi contraccettivi più sicuri del coito interrotto (che solitamente non viene annoverato tra i vari metodi proprio per l’impossibilità di tutelare da potenziali rischi) consultando il tuo ginecologo di fiducia o il consultorio di zona. Anche attraverso il nostro sito puoi trovare articoli interessanti sulla contraccezione che puoi consultare per approfondire l’argomento.
Per quanto riguarda il test di gravidanza, se eseguito almeno 15 giorni dal rapporto a rischio, dovrebbe essere attendibile, soprattutto perché ne hai eseguito un secondo a distanza di tempo che ha confermato il primo risultato.
Speriamo di averti fornito informazioni utili a chiarire i tuoi dubbi.
Un caro saluto!