se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Dopo il petting abbiamo perso la verginità, sono incinta?….

Salve,
Avrei una domanda relativa al concepimento.
Ho avuto l’ultimo ciclo l’8 novembre ed è terminato il 14. Il 26 novembre io e il mio ragazzo abbiamo provato ad avere la nostra prima volta; abbiamo fatto i preliminari e poi indossato il preservativo ma, complice il nervosismo di entrambi, non siamo riusciti a far niente in realtà.
Il giorno dopo invece ci abbiamo riprovato: prima i preliminari, poi il preservativo e finalmente… Abbiamo perso la verginità! Quella sera lo abbiamo fatto due volte, ma in nessuna lui è riuscito a “venire”. Io inoltre ero talmente agitata che ho avuto una strana reazione: i muscoli mi si sono contratti al punto che non riuscivo a controllare e muovere mani e gambe e facevo fatica a parlare per alcuni minuti.
La settimana dopo, il 2 dicembre, lo abbiamo rifatto. Sempre la stessa procedura: preliminari e petting, poi preservativo e penetrazione. Questa volta è andata meglio e lui è riuscito a “venire” dentro di me (ovviamente con il preservativo addosso).
Anche il giorno dopo, il 3 dicembre, lo abbiamo fatto allo stesso modo, ma due volte, la prima delle quali è venuto, la seconda no. Ovviamente tra l’una e l’altra abbiamo sostituito il profilattico.
Tutte le volte però per me è stato più doloroso che piacevole se devo essere sincera.
Inoltre tutte le sere in cui l’abbiamo fatto corrispondevano, da calendario, ai giorni per me meno fertili.
Non lo abbiamo “esaminato” al microscopio, ma in nessuna delle volte ci è sembrato che il preservativo si fosse rotto (ce ne saremmo accorti, giusto?).
Ora, avrebbe dovuto arrivarmi il ciclo il 6 dicembre, e invece ho un ritardo di cinque giorni. In questo periodo mi sono preoccupata parecchio per il ritardo, ma ho anche provato di tutto per stimolarne l’arrivo (tisane, bagni caldi, addominali, borsa dell’acqua calda). Non provo i sintomi della gravidanza, se non per un leggero aumento dell’appetito. Da un paio di giorni però avverto un leggero dolore alle ovaie e un peggioramento del mio umore. So che per fare il test di gravidanza devo aspettare ancora un paio di giorni, ma quest’attesa mi sta uccidendo. È possibile che dopo il petting lui possa aver spinto dentro, con la penetrazione, un po’ di liquido pre eiaculatorio che magari si era depositato nelle mie parti esterne? Potrei essere incinta?
Vi ringrazio per la gentile attenzione!

Paola, 20 anni


Cara Paola, 
da quello che ci scrivi, ci sembra di capire che avete utilizzato il preservativo fin dall’inizio del rapporto, se così fosse, allora non dovrebbero esserci rischi di una gravidanza indesiderata. Inoltre quando si hanno rapporti consecutivi è molto importante essere protetti fin dall’inizio in quanto potrebbe accadere che gli spermatozoi rimangono in vita nelle ghiandole che si trovano vicino alla base del pene e quindi possono fuoriuscire anche nelle prime fasi dei rapporti successivi.
Per essere sempre sicuri dell’integrità del preservativo è buona pratica controllarlo alla fine del rapporto ad esempio riempiendolo con l’acqua.
Se quindi siete stati attenti ad utilizzare il preservativo fin dall’inizio del rapporto, e considerando che non vi è stata eiaculazione interna, ci sembra che i rischi di una gravidanza indesiderata siano davvero minimi, e il ritardo possa essere dovuto a semplici sbalzi ormonali; in ogni caso, se ti aiuta a tranquillizzarti, puoi provare a fare un test di gravidanza, essi risultano efficaci già dal primo giorno di ritardo.
Inoltre ci sembra possa essere utile riflette un momento sul dolore che sperimenti durante gli atti sessuali. Sicuramente la prima volta si può sentire del dolore a causa della rottura dell’imene (una membrana posta all’inizio della vagina che ha diversa consistenza e spessore da donna a donna e che con i primi rapporti si lacera, portando talvolta a piccole perdite di sangue). Oltre ad un aspetto fisico, i primi rapporti possono essere dolorosi anche perchè
sono carichi di aspettative e ansie che non permettono di godere appieno dell’esperienza; l’ansia e il timore di non essere adeguati possono portare ad un irrigidimento del corpo che può comportare appunto delle sensazioni di fastidio. Incontrare l’altro ad un livello corporeo così intimo è sia un gesto fisico che un atto emotivo, per questo è importante che vi prendiate il vostro tempo per creare uno spazio di incontro che sia confortevole per entrambi. Per evitare dolori talvolta può essere utile dare maggiore spazio ai preliminari, in modo da preparare il corpo all’atto sessuale  in quanto il dolore può essere dovuto ad una non sufficiente lubrificazione della donna. Da quello che scrivi sembra che procedete per tappe, e questo è importante per il benessere della coppia. Anche condividere con l’altro le sensazioni (positive e negative) sperimentate può essere utile per imparare a vivere con serenità la vostra sessualità. Ci vuole tempo per imparare a conoscere come il proprio corpo risponde al contatto con quello dell’altro, ed è importante che ogni partner possa sentirsi rispettato e a proprio agio con l’altro.
Speriamo di averti dato dei suggerimenti utili, se vuoi raccogliere altre informazione puoi consultare la nostra rubrica “Se…so è meglio” e quando vuoi torna pure a scriverci.
Un caro saluto!