se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Ho finito da poco il ciclo e ho dei disturbi. Posso essere incinta?…

Salve a tutti, mi è finito il ciclo da tre giorni circa e ora ho mal di pancia, mal di schiena, nausea, mal di testa e sono stanca. Premetto che ho fatto solo petting, potrebbe essere stato un falso ciclo e possono essere sintomi di gravidanza?
So che c’è in giro il virus intestinale e mia mamma ce l’ha, dite che posso averlo preso o magari ho fatto solo indigestione?

Anonima, 16 anni


 Cara Anonima,
la spossatezza che percepisci potrebbe derivare da tanti fattori tra cui la mestruazione appena trascorsa. 
A volte tale condizione lascia l’organismo debilitato, magari in concomitanza di altri fattori (quali variazioni ormonali. cambi stagionali, di dieta, stress).
Inoltre, ci parli di uno stato influenzale che ha contagiato tua madre e che potrebbe aver raggiunto anche te. Questo può essere possibile perché la sintomatologia che ci descrivi fa pensare ad una condizione virale gastrointestinale.
Ovviamente in questa sede possiamo fare solo delle ipotesi e non una diagnosi mirata.
Insomma uno stato di malessere può essere possibile per tanti motivi ma non per questo far pensare ad una gravidanza.
Ti ricordiamo che con il solo petting, e quindi preliminari che non concernono un’eiaculazione interna, non è possibile rimanere incinta.
Per far si che ci sia un concepimento è necessario che si verifichino delle condizione ben precise e tra queste vi è appunto la fuoriuscita di liquido seminale all’interno della cavità vaginale nei giorni fertili di una donna.
Solitamente questo periodo viene stimato a metà del ciclo (dall’undicesimo al diciottesimo giorno) ma può subire variazioni.
Fornendoti tali informazioni il nostro intento è quello di aiutarti nella valutazione della tua condizione anche in base ad una personale riflessione sulla dinamica vissuta.
In ogni caso, se tale malessere fisico dovesse persistere ti suggeriamo un consulto con il tuo medico di base il quale saprà aiutarti magari attraverso una terapia farmacologica.
Torna a scriverci se ne senti il bisogno.
Un caro saluto!