se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Il ciclo mestruale: tutte le caratteristiche

ID:75473608

ID:75473608

Croce e delizia di tutte le donne, il ciclo mestruale assume un significato duplice perché da una parte è simbolo della fecondità, del materno, del femminile, dall’altra è spesso motivo e fonte di grande preoccupazione.

La prima mestruazione arriva in media di 12 anni, tuttavia frequentemente ci si può imbattere in un menarca precoce o tardivo. In seguito al menarca i flussi mestruali si presentano spesso ad intervalli di tempo irregolari. Il ciclo può impiegare del tempo per regolarizzarsi definitivamente. In questo lasso di tempo si completa il processo di crescita dell’asse ipotalamo-ipofisi-ovaio e di stabilizzazione del sistema ormonale .

Ogni 28 giorni circa l’endometrio (che è il tessuto interno alla cavità uterina), per fattori ormonali si sfalda e, insieme al sangue che si libera dai vasi sottostanti, viene eliminato all’esterno del corpo. Questa perdita di sangue, misto a frammenti di endometrio, costituisce la mestruazione.

La regolarità del ciclo mestruale (in media 28 giorni) è legata ad un preciso controllo ormonale del fenomeno. Implicati nel controllo ci sono tre strutture dell’organismo: l’ipotalamo, l’ipofisi e le ovaie.
L’ipotalamo è una piccola parte del cervello umano che svolge un ruolo determinante nel controllare l’attività dell’ipofisi. Quest’ultima è una piccola ghiandola contenuta nella scatola cranica al di sotto degli emisferi cerebrali. È in grado di produrre ormoni che regolano l’attività di tutte le ghiandole a secrezione interna del corpo umano (ovaie, surreni, tiroide, ecc.). L’ipofisi produce due ormoni, denominati FSH ed LH (detti anche gonadotropine) che sono in grado di comandare completamente l’attività dell’ovaio.

Il primo giorno del ciclo mestruale si definisce come il primo giorno della mestruazione. Da questo giorno in poi si ha un progressivo aumento nel sangue dei livelli dell’ormone estradiolo (prodotto dall’ovaio). Questi livelli determinano un progressivo ispessimento dell’endometrio.
Intorno al 14° giorno del ciclo, un brusco aumento dell’LH ipofisario determina lo scoppio del follicolo (“ovulazione”) con liberazione dell’ovocita nella cavità addominale; l’ovocita viene successivamente recuperato dalla tuba all’interno della quale sarà disponibile per l’incontro con gli spermatozoi per sole 24 ore.
Subito dopo l’ovulazione (in media il 14° giorno del ciclo), ciò che resta del follicolo “scoppiato” si trasforma in una ghiandola chiamata “corpo luteo”. Questo produce progesterone, un ormone necessario per le prime fasi di una eventuale gravidanza. Il progesterone ispessisce ulteriormente l’endometrio.
Intorno al 24° giorno del ciclo mestruale si ha una rapida caduta dei livelli di progesterone a causa di un esaurimento funzionale del corpo luteo. Questa diminuzione rapida dell’ormone innesca i fenomeni che porteranno dopo circa 4 giorni allo sfaldamento dell’endometrio ed alla successiva mestruazione.

Il ciclo può anticipare, posticipare, saltare, presentarsi con un flusso abbondante o esiguo, Se il fenomeno è isolato o comunque non si ripete per più cicli successivi, non deve destare troppa preoccupazione. In caso contrario è necessario rivolgersi al proprio ginecologo per accertamenti.
Fattori quali stanchezza, stress, sbalzi ormonali, assunzione di farmaci e/o droghe, alimentazione, etc… possono avere un ruolo determinante. Quindi prima di preoccuparsi eccessivamente è bene aspettare un attimo e provare a capire cosa sta accadendo nella propria vita e, di conseguenza, al proprio organismo.

Lo sapevi che…

Non tutte le donne hanno lo stesso ciclo e alcune possono anche ovulare prima che le mestruazioni finiscano.

In ogni donna il sanguinamento è diverso a seconda dei casi, dei fattori ormonali e dello stile di vita. Tuttavia, a livello generale, si stima che si perdano in media circa 100 ml di sangue.

La sindrome premestruale è una realtà e si calcola che circa il 90% delle donne ne soffra almeno una volta nella vita.

Dubbi e domande…

Anna, 17 anni
Se il ciclo ritarda significa che l’ovulazione è avvenuta in ritardo? È normale che ultimamente il mio ciclo sia passato da 29/30/32 giorni a 28/27/26?…

Filippo
Oggi alla mia ragazza doveva venire il ciclo ma ancora nulla, sono diversi giorni che ha i dolori del ciclo (crampi, male al seno…). Lei pensa che non gli verrà più… devo dargli retta?…

Vanessa, 19 anni
Sono una tipa molto paranoica e premetto che non ho il ciclo regolare, mai avuto regolare, alcune volte mi viene prima altre volte tardi, ma la maggior parte delle volte sempre tardi…


Nel film “Amici, amanti e…” la divertente scena del ciclo sincronizzato.