Ho dimenticato di assumere la pillola durante la prima settimana.

Ho dimenticato di assumere la pillola durante la prima settimana…

Vorrei un vostro consiglio: ho dimenticato di assumere la pillola durante la prima settimana, ho seguito le indicazioni della mia ginecologa e ho utilizzato metodi barriera dal momento che lei mi ha detto di non avere nessuna protezione per l’intero mese (anche se sul foglietto illustrativo consiglia di utilizzare il preservativo per 7 giorni) ieri sera ho avuto dei rapporti con il mio partner di cui due con il profilattico ed uno senza. L’eiaculazione è avvenuta in tutti i tre casi fuori perché ci sto molto attenta e i preservativi non presentano nessun tipo di foro. Oggi invece ho avuto un rapporto con il mio partner ed il profilattico è rimasto dentro la vagina ed è stato poi prontamente rimosso dal mio partner non appena si è accorto di ciò. L’eiaculazione è avvenuta come al solito sempre fuori. Volevo chiedervi se devo preoccuparmi di questi rapporti e dunque prendere la pillola del giorno dopo visto la mia situazione.
P.s. Il giorno dopo i primi rapporti ho avvertito tensione al seno e dolore ovarico e dal momento che mancano 15 giorni dalle mestruazioni ho pensato fosse attribuibile a questo. È possibile o è un qualche segnale di possibile rischio?

Anonima


Cara Anonima,
in caso di dimenticanza è importante assumere subito la pillola dimenticata, se viene assunta nell’arco di 12 ore l’effetto contraccettivo non dovrebbe ridursi. Però visto che la prima settimana viene considerata come quella maggiormente a rischio, è utile proteggere i rapporti con un contraccettivo di barriera. Maggiore è il numero di ore che trascorre dalla dimenticanza della pillola maggiore sarà il rischio. In definitiva il linea potenziale i rapporti avuti poco prima e dopo sono da considerarsi non protetti, per questo è importante l’uso del preservativo. Va tenuto in considerazione che nel tuo caso da ciò che ci scrivi i rapporti sono tutti avvenuti con eiaculazione al di fuori degli organi genitali e quindi non dovrebbero essere a rischio. I sintomi che descrivi potrebbero essere dovuti a diversi fattori.
Ti consigliamo per una maggiore chiarezza di consultare nuovamente la tua ginecologa, che conosce il tuo caso, per capire il reale rischio e come procedere.
Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it