Nasce la Rete nazionale delle Scuole green

Nasce la Rete nazionale delle Scuole green

Al Miur De Cristofaro presenta iniziativa che coinvolge oltre 50 province italiane
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Centinaia di scuole in tutta Italia diventano “Green”. Il Sottosegretario all’Istruzione Peppe De Cristofaro, con numerosi dirigenti scolastici provenienti da tutta Italia, ha presentato questa mattina, nel corso di un incontro al Miur, la Rete nazionale della Scuole green con cui il nostro Paese partecipa al progetto internazionale delle Green School.

La rete, che è articolata su base territoriale e ad oggi vede coinvolte oltre cinquanta province da Sud a Nord, ha l’obiettivo di sviluppare progetti e promuovere comportamenti per ridurre l’impatto ambientale delle nostre scuole e di educare gli studenti alla cura e alla tutela attiva dell’ambiente.

Il principio su cui si basa la rete, coordinata dai Dirigenti scolastici Maria Grazia Lancellotti del Liceo Orazio di Roma e Carlo Firmani del Liceo Socrate di Roma, è quello della condivisione, dei progetti e delle buone pratiche. Un impegno che deve rappresentare una sfida comune per i dirigenti, i docenti, gli studenti e le famiglie.

“La Rete nazionale delle Scuole Green – ha affermato il Sottosegretario De Cristofaro concludendo la presentazione – è un’iniziativa che interpreta in modo positivo la nostra idea di una scuola aperta a tematiche decisive che attraversano la società ed efficace nel promuovere il senso critico e la partecipazione dei ragazzi. L’educazione ambientale sempre di più deve contribuire nelle scuole alla formazione dei nostri studenti, nella visione di una scuola che vuole formare cittadini impegnati e responsabili e non semplicemente esperti di singole discipline”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it