Che differenza c'è tra l'anello vaginale e la pillola contraccettiva?

Che differenza c’è tra l’anello vaginale e la pillola contraccettiva?…

Salve Esperti, sono alle prime esperienze sessuali e quindi mi sto approcciando alla contraccezione. Che differenza c’è tra l’anello vaginale e la pillola contraccettiva? Grazie

Mia, 15 anni


Cara Mia, 
La scelta della contraccezione è una scelta importante che andrebbe pianificata proprio per vivere la sessualità come scoperta ed in modo sereno. Ti diamo alcune informazioni.
Sia l’anello che la pillola sono due contraccettivi ormonali il cui fine è l’inibizione dell’ovulazione e l’impedimento della fecondazione. Hanno entrambi un’elevata attendibilità se usati correttamente.

L’anello anticoncezionale  va inserito direttamente in vagina rilasciando un bassissimo dosaggio di ormoni per impedire l’ovulazione ed evitare quindi il concepimento. Rispetto alla pillola, con l’uso dell’anello gli ormoni arrivano direttamente nel sangue della donna, saltando i delicati passaggi gastrointestinale ed epatico; inoltre l’assorbimento costante di ormoni attraverso la mucosa vaginale riduce drasticamente le irregolarità del ciclo spotting o assenza dello pseudoflusso mestruale, frequenti con le pillole a bassissimo dosaggio.
Una volta inserito in vagina rimane nel corpo della donna per tre settimane, segue poi una quarta di sospensione alla fine della quale si inserisce un nuovo anello. E’ importante dopo tre settimane rimuovere l’anello lo stesso giorno della settimana in cui è stato inserito, approssimativamente alla stessa ora ed iniziare con un nuovo anello esattamente dopo l’intervallo di 1 settimana di nuovo lo stesso giorno della settimana ed approssimativamente alla stessa ora, anche se l’emorragia non è ancora finita. Se utilizzato correttamente ha un’efficacia del 99%.
La pillola è di facile assunzione: se ne assume una al dì, solitamente alla stessa ora, per 21 giorni consecutivi e poi si fa una pausa di 7 giorni, durante i quali si presentano le mestruazioni. L’assunzione del primo blister va effettuata all’inizio del ciclo.
  Esistono poi delle pillole da 28 giorni, quindi che non vanno mai sospese; il blister contiene solitamente 24 compresse bianche che contengono una piccola quantità di estradiolo e di nomegestrolo acetato e 4 compresse gialle senza principi attivi. Le pillole a più basso dosaggio ormonale possono determinare episodi di spotting (perdite) durante il ciclo. La pillola, se assunta correttamente, garantisce una copertura anticoncezionale del 98-99% . 
E’ importante per vivere al meglio la propria sessualità avere un quadro chiaro su tutti i metodi contraccettivi. La scelta è molto personale e dipende da diversi fattori, caratteristiche fisiche, stato di salute, abitudini ecc. Se si hanno dei problemi gastrointestinali sarà preferibile l’anello viceversa se si è soggette ad infezioni vaginali forse è consigliata la pillola.
Pertanto ti suggeriamo di consultarti anche con un ginecologo di fiducia, al fine di individuare la soluzione più adatta per te. 
Un caro saluto! 

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it