All’IC di Parabiago una panchina rossa contro la violenza sulle donne

Studenti presto al lavoro per posa e decorazione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MILANO – Anche Parabiago avrà la ‘sua’ panchina rossa. Entro la primavera, infatti, uno dei simboli più riconosciuti della lotta contro la violenza sulle donne sarà posizionato presso l’edificio della scuola secondaria di primo grado dell’istituto comprensivo ‘viale Legnano’. Ma sarà una panchina speciale, perché a decorarla ci penseranno studenti e studentesse. Ad anticiparlo alla ‘Dire’ è proprio la preside Monica Fugaro: “Abbiamo aderito al progetto ‘Panchine rosse’ per dare il nostro piccolo contributo come scuola aperta alla comunità ma soprattutto per dare ai nostri studenti una opportunità di educazione alla cittadinanza”.

Il progetto educativo è rivolto agli alunni della scuola secondaria di primo grado, una quarantina circa, “con lo scopo di stimolare la riflessione sulla violenza contro le donne e sui cambiamenti culturali necessari per sconfiggerla” spiega ancora la dirigente scolastica; in questo senso, aggiunge Fugaro, “si prefigge di sensibilizzare ed educare al rispetto delle differenze di genere e al contrasto di ogni forma di discriminazione”.

Dopo un ciclo di incontri formativi sia per alunni e alunne sia per docenti, sarà individuato lo spazio scolastico adeguato per la posa della simbolica seduta. Il tutto “dalla formazione, alla posa e personalizzazione della panchina a cura di ragazzi e ragazze, sarà raccontato in un video, girato e montato direttamente dai nostri studenti” conclude Fugaro.

Il progetto ‘Panchine rosse’ è promosso da ‘Humans to humans’ e dall’associazione ‘Stati generali delle donne’, con il supporto economico della Chiesa valdese.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Martina Mazzeo
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it