Cyberbullismo, premiati i vincitori del concorso per gli istituti di Bolzano

Cyberbullismo, premiati i vincitori del concorso per gli istituti di Bolzano

Studenti ambasciatori per un uso corretto della rete
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Hanno scritto decaloghi, montato filmati e vestito i panni di attori o registi. Sono gli studenti che hanno partecipato al concorso contro il cyberbullismo e l’hate speech promosso dalla sovrintendenza di Bolzano. Ragazzi e ragazze che hanno sposato la causa dell’uso responsabile della rete con l’obiettivo di rivolgersi direttamente ai loro coetanei. Questa mattina, in diretta sulla pagina Facebook e sul canale Youtube di diregiovani.it, i giovani della consulta provinciale di Bolzano hanno votato i progetti migliori realizzati dalle classi di scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado della provincia di Bolzano.

Ad aggiudicarsi la vittoria, la scuola ‘Manzoni – Istituto comprensivo Bolzano 6’ (per la sezione primarie) e la scuola media ‘Negrelli – Istituto comprensivo Merano 2’ (per la sezione secondarie di primo grado) nonché l’isitituto Galileo Galilei.

“La tecnologia si evolve sempre di più ed è uno strumento positivo, soprattutto in questo momento storico, ma deve rimanere tale- ha detto in apertura Raffaella De Rosa, referente cyberbullismo del Dipartimento di Istruzione e Formazione– sono contenta perché le scuole sono riuscite a dare un taglio positivo e di speranza anche a questo fenomeno”.

Il progetto, avviato in collaborazione con l’agenzia di stampa Dire e diregiovani.it, si è articolato in una serie di incontri tra dicembre 2020 e gennaio 2021. Lezioni che hanno affrontato i temi dell’odio online, della diffusione di dati sensibili, del sexting e di tutte le altre articolate forme di bullismo sulla rete. A partire dai recenti fatti di cronaca che hanno coinvolto giovani studenti, le classi si sono confrontate sui pericoli del web e hanno individuato soluzioni per evitare di diventare vittime o attori inconsapevoli di comportamenti scorretti. 

“Siamo entrati in una realtà parallela è questo ha inciso anche nella vita dei ragazzi- ha commentato Vincenzo Gullotta, direttore per l’Istruzione e Formazione italiana- Per imparare a vivere in maniera positiva la rete è importante rafforzare l’alleanza tra giovani e adulti. Siamo noi che dobbiamo accompagnare i nostri ragazzi affinché ci sia una nuova coscienza, un pensiero critico sugli effetti dell’agire in rete”.

Nel corso della diretta è intervenuto anche il vicepresidente della provincia, scuola italiana e formazione della provincia di Bolzano, Giuliano Vettorato, che ha definito il cyberbullismo

“una piaga che deve essere combattuta investendo tempo e risorse”.

A sostenere l’iniziativa anche Noa Planas, la giovane influencer nota per la sua apparizione nel reality show ‘Il Collegio’.

“Se si è vittima di atti di bullismo non bisogna vergognarsi ma parlare subito con qualcuno– ha raccontato in diretta- anche io sono stata insultata sui social per il mio aspetto fisico, e questo all’inizio mi ha fatto male. Ma poi ne ho parlato con i miei genitori che mi hanno fatto riflettere e ora quegli insulti sono diventati i miei punti di forza, perché mi hanno fatto capire che nessuno è perfetto ma tutti possiamo esserlo a modo nostro”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Chiara Adinolfi
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it