All’IC Garibaldi di Salemi la premiazione del progetto ‘L’arte del fumetto’

Il dirigente: "Le opere realizzate saranno pubblicate in un libro"

TRAPANI – “Si è trattato di un progetto d’arte che ha toccato le corde delle emozioni di alunni che rappresentano le eccellenze della nostra scuola. Vogliamo dare ai ragazzi le competenze adeguate per la loro formazione futura e confido nel dare continuità al percorso avviato, anche negli anni a venire”. Così il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo ‘Garibaldi’ di Salemi-Gibellina (Trapani), alla premiazione ‘L’arte del fumetto’, avvenuta venerdì 25 giugno, nell’aula magna del plesso centrale di Salemi.

Il progetto fortemente voluto dal dirigente dell’istituto siciliano, in collaborazione con l’agenzia Dire e l’Istituto di Ortofonologia (IdO) di Roma, ha coinvolto 23 alunni ed alunne di quinta elementare, in laboratori pomeridiani on-line sull’ arte e la tecnica del fumetto, tenuti dall’arte-terapeuta dell’IdO, Serena Robazza.

“È la prima volta che i nostri piccoli partecipanti si ritrovano tutti insieme in presenza– ha spiegato, durante la premiazione, la docente e referente del progetto Linda Tranchida– Per loro, è un momento di grande gioia ed emozione”.

In collegamento da Roma, l’arte-terapeuta Robazza è stata intervistata dagli studenti: “Quando hai scoperto l’amore per l’arte? Che studi hai fatto per diventare scenografa? Perché hai deciso di diventare arte- terapeuta?”. Da una passione per il disegno, nata sin da quando ha memoria al conseguimento del diploma al liceo artistico, dallo studio di decorazioni all’approdo all’arte-terapia, Serena Robazza si è raccontata: “L’arte è bella, in ogni sua forma– ha risposto- ma soprattutto può aiutare le persone a conoscersi e ad esprimere se stessi. L’arte aiuta a comunicare, è una forma di terapia che utilizza non solo le parole, ma anche gli strumenti artistici ed è questo il mio lavoro”.

Durante il corso, i piccoli partecipanti, supportati dall’insegnante Tranchida, hanno intrapreso un percorso di sensibilizzazione all’arte, alla bellezza ed alla scoperta del disegno su carta, imparando a riconoscere ulteriormente le loro emozioni, cui hanno dato forma e colore. All’evento, i bambini hanno ricevuto l’attestato di partecipazione al progetto, in cui, attraverso la creazione di fumetti ed immagini pop-up, hanno raccontato esperienze personali e storie inventate, utilizzando acquerelli, colori a pastello, pennarelli standard, fluo, metallizzati e la tecnica del bianco e nero.

“Seguo i miei alunni dalla scuola dell’infanzia– ha concluso il preside Amico- ed è un onore, per me, ritrovarli alle medie, ma è anche una responsabilità vederli crescere bene. Gli incontri extra- didattici sono un valore aggiunto alla loro formazione. ‘L’arte del fumetto’ non finisce qui, le produzioni dei ragazzi saranno raccolte in un unico lavoro e diventeranno un libro, pubblicato da Magi edizioni”.

2021-06-30T15:01:47+02:00