“Scuola senza materie, la sfida della scuola del futuro”

“Scuola senza materie, la sfida della scuola del futuro”

L’Agenzia di stampa nazionale Dire raccoglie la sfida lanciata

dall’Associazione Nazionale Presidi:



Una materia è poco e due sono troppe?

La scuola “senza materie” nasce dall’idea di Antonello Giannelli, Presidente dell’ANP, di superare l’approccio trasmissivo della scuola e sviluppare nuovi percorsi didattici che favoriscano il superamento dei confini tra le discipline.

Il contest “ViaLeMaterie” aiuterà a far nascere proprio dagli studenti proposte didattiche innovative che prevedano percorsi multidisciplinari.

La partecipazione è completamente gratuita e ogni studente, o classe, di scuole secondarie di secondo grado può aderire al contest senza alcun limite di invio dei contributi.

Le proposte verranno valutate dall’agenzia di stampa Dire e dall’Anp (Associazione Nazionale Presidi) che, insieme, sceglieranno i tre progetti migliori.

I video dei tre finalisti verranno anche pubblicati sul sito diregiovani.it.

A tal fine i ragazzi potranno prendere spunto dalle migliori pratiche innovative sulla didattica per competenze praticate nella propria scuola o in altre scuole (conoscibili attraverso i loro siti internet). Per realizzare i loro progetti, gli studenti potranno collaborare con i docenti; inoltre avranno la possibilità di partecipare da soli, in gruppo o con l’intera classe.

Tutti i partecipanti riceveranno un attestato di merito, compresi i docenti, per l’impegno e la motivazione che trasmettono giornalmente ai loro studenti.

Il contest durerà tre mesi (dal 4 marzo al 30 giugno) e al termine del progetto le tre proposte migliori riceveranno in premio un tablet.

 

Chi può partecipare?

Il contest è rivolto a tutti i ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado, senza distinzione di indirizzo.

 

Come partecipare?

Per partecipare è necessario inviare all’indirizzo mail m.nicoletti@agenziadire.com un breve video (della durata di 2/4 minuti), accompagnato da un testo esplicativo in cui gli studenti illustreranno la loro idea di “scuola senza materie”. Nella mail è necessario inserire anche il nome della scuola di appartenenza, un recapito telefonico e un indirizzo mail.

 

Nessun limite alla creatività: i giovani potranno realizzare i loro contenuti in maniera schematica o animata, purché sia chiara la loro proposta di una didattica multidisciplinare trasversale rispetto alle classiche discipline. Ovviamente, queste continueranno ad essere valutate dai relativi docenti ma a partire da un insegnamento organizzato secondo “argomenti” e non secondo le classiche “materie”.


 

Privacy e liberatoria
Gli elaborati multimediali prodotti (foto e video) dovranno essere corredati dal consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della legge N. 196/03 e successive modificazioni e regolamento UE 2016/679 (GDPR) e della liberatoria all’utilizzo del materiale a scopo divulgativo da parte degli autori (ovvero del genitore in caso di minorenne). Il consenso al trattamento dei dati e la liberatoria potranno rimanere agli atti della scuola senza obbligo di invio alla Redazione Diregiovani.

Questioni legali ed etiche
Qualsiasi notifica relativa ad eventuali variazioni sul regolamento verrà pubblicata sul sito web del concorso e sarà valida dalla data della pubblicazione. Tutti i partecipanti devono seguire gli accordi europei sui diritti d’autore. I partecipanti nell’inviare le foto dichiarano di essere gli autori delle foto e come tali di essere i titolari dei diritti esclusivi sui medesimi e di aver ottenuto il consenso alla pubblicazione da parte di eventuali soggetti terzi presenti nelle foto.
I partecipanti accettano altresì di non pubblicare qualsiasi tipo di materiale protetto da “copyright” a meno che i diritti di autore non gli/le appartengano. In ogni caso Diregiovani non potrà essere ritenuto responsabile, direttamente ed indirettamente, nei confronti degli utenti e in generale di qualsiasi terzo per eventuali ritardi, imprecisioni, errori, omissioni, danni (diretti, indiretti, conseguenti, punibili e sanzionabili) derivanti dai suddetti contenuti. I contributi inviati non devono contenere affermazioni, fatti, informazioni o citazioni che possono nuocere o danneggiare persone o gruppi di persone o incoraggiare la persecuzione di individui per razza, opinione, nazionalità, sesso, professione o credo. Non devono altresì incoraggiare il crimine o l’infrazione della legge.

Squalifica del progetto
Diregiovani può decidere di squalificare un progetto se questo non è stato presentato entro il termine di scadenza, se l’iscrizione è stata effettuata in modo parziale o se il progetto infrange qualsiasi regola della sezione “Questioni legali ed etiche”.

Diritti di riproduzione
Tutti gli elaborati inviati diventano di proprietà di Diregiovani che ha il diritto di migliorare, rivedere, ampliare, modificare e riprodurre il materiale ricevuto.

Finalità del portale diregiovani.it
Il concorso è parte dei progetti realizzati da Diregiovani.it, per valorizzare la creatività dei giovani, le loro proposte e opinioni. Il concorso mira a contribuire alla diffusione di tutte le potenzialità insite nel mondo giovanile alle quali non viene data la giusta visibilità tentando in tal modo di costruire un modello di riferimento positivo che abbia come obiettivo quello di rendere i giovani consapevoli e artefici del loro futuro. Il portale Diregiovani.it diviene così un grande “contenitore” di idee e contributi originali tra i quali, ogni anno, vengono individuati spunti di riflessione e argomenti di discussione – oggetto di approfondimento e dibattiti nel corso di eventi pubblici, manifestazioni e momenti di incontro tra studenti e mondo degli adulti – e tutti i migliori elaborati vengono premiati. Tutti i premi sono simbolici e hanno, dunque, valore di riconoscimento del merito personale e di incoraggiamento alla diffusione di un modello virtuoso tra i ragazzi. Le attività promosse dal portale
diregiovani.it sono state accolto con grande favore non solo dai giovani ma anche dalle istituzioni, territoriali e nazionali, tanto che le attività pubbliche realizzate vengono patrocinate, tra gli altri, da Camera dei Deputati,
Senato della Repubblica, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Lazio, Comune di Roma e da numerosi ministeri quali il Ministero della salute e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.