se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Le perdite tra un ciclo e l’altro potrebbero essere dovute a sbalzi ormonali?…

Gentile dottore,
Le scrivo per avere dei chiarimenti.
Il mio ultimo ciclo l’ho avuto dal 29 luglio al 3 agosto. Dal 3 agosto ad oggi ho avuto diversi rapporti con il mio ragazzo alcuni non protetti ma terminati con eiaculazione esterna,mentre altri protetti dal preservativo. Tutti i rapporti sono comunque terminati con eiaculazione esterna. Giorno 15 agosto la sera ho avuto delle perdite marroni, che sono diminuite  il 16 agosto e sono riprese il 17 agosto fino al 19 agosto. Questi giorni (dal 15 al 19 agosto) sono quelli dell\’ovulazione, il prossimo ciclo dovrebbe arrivare il 31 agosto.
Inoltre  da giorno 13 agosto fino al 15 ho avuto mal di testa, e ho anche molti brufoli che di solito appaiono in prossimità del ciclo.
Queste perdite le ho avuto anche qualche mese fa sempre durante quello che dovrebbe essere il periodo fertile, però hanno avuto una durata inferiore. Quelle attuali sono di colore marrone e sono mucose, nom molto consistenti infatti riesco a trattenerle benissimo con un salvaslip.
Su internet leggevo che queste perdite tra un ciclo e l’altro  possono essere dovute a dei sbalzi ormonali, allo stress e altro. In questo periodo sono un po\’ sotto pressione perché devo preparare un esame abbastanza difficile ed in più lavoro e affronto 4 ore di viaggio, sono molto stanca, in più nel mese di marzo ho assunto la pillola del giorno dopo (norlevo), non so se questo possa influire. Da quasi una settimana ho forte dolore alla schiena nella parte in basso quando mi piego, sono nervosa e facilmente irritabile,però il ciclo non è ancora arrivato.
Ora mi chiedo a cosa sono dovute queste perdite? È possibile una gravidanza in queste circostanze?
Aspetto una vostra risposta ringrazio in anticipo.

Anonima, 20 anni


Cara Anonima,
durante il periodo dell’ovulazione può capitare  di avere spotting, cioè piccole perdite di sangue. Lo spotting ovulatorio è dovuto ad un brusco calo degli estrogeni (sbalzo ormonale) che solitamente precede di qualche giorno il picco ovulatorio (picco di LH) e che provoca un piccolo sfaldamento della mucosa uterina. Lo spotting può avere cause disfunzionali e organiche. Le più comuni sono le prime, legate a un’ovulazione non ottimale e sono più frequenti soprattutto in giovane età. Tendono a risolversi spontaneamente nel corso di due o tre cicli mestruali.
Le alterazioni ormonali possono dipendere da cause diverse: stress, disturbi del comportamento alimentare, assunzione di contraccettivi ormonali, ma soprattutto stress emotivo.
E da quello che ci racconti non è un momento riposante.
Se lo spotting si protrae nel tempo e si ripete nei mesi, è un segnale del corpo che ci suggerisce che bisogna attivarsi.
Non riteniamo sia nulla di grave, se dovesse persistere come fenomeno, ti consigliamo comunque di consultare un ginecologo o rivolgerti a un Consultorio, dove troverai degli esperti per monitorare insieme la situazione, dare un nome alla causa ed eventualmente intraprendere un trattamento.
Per quanto riguarda i rapporti, ricorda che il coito interrotto non è un contraccettivo sicuro in quanto potrebbe non essere sempre facile avere un perfetto controllo del corpo in momenti di grande piacere
Un caro saluto!