se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Sono reduce da una gravidanza extrauterina interrotta con il farmaco…

Salve!
Sono reduce da una gravidanza extrauterina interrotta con il farmaco… già una settimana prima di natale i risultati degli esami del sangue per vedere se fossi ancora incinta risultavano negativi, una settimana dopo il 21 ho rifatto gli esami del sangue e stessa cosa risultavano negativi..
Il 5 gennaio ho avuto il ciclo ho contattato il mio dottore e mi è stato detto che il ciclo torna alla normalità dopo circa 40 gg
Sinceramente non sono sicura se quello sia stato ciclo, sembrava proprio di sì anche perché l’iniezione l’ho fatta il 1 dicembre e quindi i giorni sembravano giusti
Ora mi mancano due giorni all’ovulazione e da due giorni ho delle perdite marroncine, oggi un po’ più scure. Ho tanta paura e non so cosa pensare… potete aiutarmi ?

Giulia, 16 anni


Cara Giulia,
non deve essere stata per nulla facile affrontare questa esperienza, sia da un punto di vista fisico che emotivo.
In una consulenza online proprio perchè non abbiamo struementi diagnostici di approfondimento è impossibile poter fare delle diagnosi precise ed individualizzate. Proviamo a mettere insieme i dati che ci hai fornito e a formulare delle ipotesi ma in questi casi è fondamentale confrontarsi con il proprio ginecologo di fiducia, o con il medico che ti ha seguito in questo percorso perchè avendo una visione globale della tua storia anamnestica saprà darti delle informazioni più pertinenti.
Non bisogna sottovalutare la risposta indiviaduale dell’organismo per cui c’è una tempistica orientitava di base che poi può oscillare rispetto alla vulnerabilità individuale. Per cui non è necessario che debba rispettare precisamente 40 giorni. I risultati del test sono negativi e quindi fanno presuppore che non ci siano rischi elevati, e probabilmente quello che hai avuto era il ciclo.
Può succedere durante il periodo dell’ovulazione può capitare di avere spotting, cioè piccole perdite di sangue. Lo spotting ovulatorio è dovuto ad un brusco calo degli estrogeni (sbalzo ormonale) che solitamente precede di qualche giorno il picco ovulatorio (picco di LH) e che provoca un piccolo sfaldamento della mucosa uterina. Lo spotting può avere cause disfunzionali e organiche. Le più comuni sono le prime, legate a un’ovulazione non ottimale e sono più frequenti soprattutto in giovane età. Tendono a risolversi spontaneamente nel corso di due o tre cicli mestruali.
Le alterazioni ormonali possono dipendere da cause diverse: stress, disturbi del comportamento alimentare, assunzione di contraccettivi ormonali. E nel tuo caso specifico rilevanti possono essere stati i fattori di stress ma soprattutto la forte oscillazione ormonale. E’ come se fossero segnali di assestamento del corpo.
Lo spotting non desta particolari preoccupazione, se dovessero persistere nel tempo è sempre bene confrontarsi con il proprio ginecologo e monitorare queste perdite.
Hai perfettamente ragione, la paura prende facilmente il sopravvento quando vediamo queste risposte del corpo, non è stato un momento facile e hai tutto il diritto di avere quante più informazioni possibili in modo da poter gestire i dubbi e le ansie con maggiore serenità. Per questo è importante confrontarsi con il proprio medico, perchè dal vivo saprà darti non solo i dettagli ma anche un supporto emotivo.
Speriamo di essere stati comunque di aiuto, torna a scriverci se ne avessi bisogno…
Un caro saluto!