se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

La fase luteale è possibile che sia così corta?…

Salve, ho fatto una visita ginecologica giorno 3 febbraio, la gine mi disse che stavo ovulando e che dopo due settimane avrei avuto il ciclo. Volevo iniziare una pillola anticoncezionale. A sorpresa, il ciclo è arrivato dopo sette giorni esatti (è mai possibile una fase luteale così corta?) e dunque alla sera ho cominciato il primo blister di Zoely. La gine mi ha detto che iniziando la pillola al primo giorno di ciclo, potevo da subito avete rapporti non protetti e dopo soli 4 giorni di assunzione ho avuto un rapporto completo senza preservativo. Il problema è che da quel giorno mi son fatta tremila paranoie, e se avessi sbagliato? Mai dimenticato una pillola o ritardato oltre due ore, il ciclo da sospensione alla fine del primo blister è arrivato anche se scarso. Adesso ho un seno super gonfio, tanta fame a qualsiasi ora e crampetti continui al basso ventre. Mi sto solo fissando o potrebbe essere che sono incinta da sei settimane?
La ringrazio anticipatamente per la risposta, e Buona Pasqua.
Daniela, 23 anni


Ciao Daniela,
secondo quanto ci hai descritto, hai iniziato ad assumere il contraccettivo il primo giorno del ciclo mestruale e l’hai regolarmente assunta durante tutto il periodo, questo dovrebbe garantirti una protezione completa rispetto a presunte gravidanze indesiderate. In realtà la fase luteale del ciclo può essere molto variabile, poiché diversi fattori possono influire sul ritmo del ciclo (oscillazioni ormonali, stress, abitudini e stili di vita, alimentazione ecc.), quindi non è rilevante, ai fini della prevenzione del contraccettivo, quando sia arrivata la mestruazione, l’importante è che hai iniziato ad assumere la pillola il primo giorno.
Per quanto riguarda i cambiamenti corporei che osservi, così come la fame o i crampi, è possibile che siano delle risposte legate all’assunzione del contraccettivo ormonale. Continua ad assumere regolarmente e non dovrebbero esserci problemi.
Se vedi che i sintomi persistono o hai altri dubbi, ti consigliamo di consultare la tua ginecologa di fiducia, che ti ha prescritto la pillola e conoscendo bene la tua storia personale può darti dei consigli più mirati. Sempre rispetto ai tuoi su di una possibile gravidanza ci sembra importante che tu possa affidarti, anche in questo caso, al tuo medico che potrà tranquillizzarti di persona.
Torna a scriverci quando vuoi.
Un caro saluto!