se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Il famigerato liquido preseminale

liquido preseminalePossiamo chiamarlo con diversi nomi: secrezione eiaculatoria, secretio ex libidine, liquido preorgasmico, liquido prostatico, liquido prespermatico, liquido preseminale, resta il fatto che il famigerato liquido pre-eiaculatorio è al centro di diversi dibattiti scientifici e diventa spesso lo spauracchio degli amanti.
Proviamo a fare chiarezza!
Tecnicamente il liquido pre-eiaculatorio è prodotto dalle ghiandole di Cowper; appare come un liquido trasparente, incolore o lievemente biancastro e viscoso.
Precede la vera eiaculazione, durante i preliminari, e ha una finalità prettamente meccanica: lubrificare l’uretra affinché si crei un ambiente idoneo al passaggio dello sperma. Inoltre mantiene l’ambiente basico, affinché gli spermatozoi possano sopravvivere.
La quantità di secrezione del liquido varia a seconda della persona, alcuni uomini ne producono pochissimo, altri invece possono arrivare anche a produrne 5 ml.
Esistono alcune ricerche basate sul dilemma riguardante la
presenza o assenza di spermatozoi nel liquido pre-eiaculatorio. La controversia è aperta: se alcuni studi affermano di aver trovato spermatozoi mobili con capacità di fecondare nel liquido preseminale, altri ne difendono l’assenza. Tutti gli studi sono realizzati in base a una bassa numerosità di soggetti, motivo per cui i risultati di queste ricerche non possono essere completamente generalizzabili.
Tra gli studi che attestano la presenza di spermatozoi all’interno del liquido troviamo quelli di
Pudney (1992) e di Killing (2011). Il campione si basa su 41 soggetti, di cui 11 producono liquido preseminale con spermatozoi, e in 10 di questi stessi soggetti gli spermatozoi sembrano essere mobili.
In nessuno di questi studi però viene specificata l’analisi e la morfologia esatta dello spermatozoo ritrovato. Ad ogni modo, anche confermando che esistano spermatozoi nel liquido pre-eiaculatorio, la possibilità di gravidanza solo attraverso la penetrazione di questo liquido, e non dell’eiaculato, non è significativa, poiché, in caso ci fossero spermatozoi, la loro qualità e quantità sarebbero basse. Inoltre  potrebbe non essere facile per questi pochi spermatozoi superare tutte le barriere del sistema riproduttore femminile per arrivare all’ovulo.
Zukerman (2003) afferma che non è possibile la presenza di spermatozoi nel liquido pre-eiaculatorio, e che i dati riportati da altre ricerche sarebbero da attribuire ad una errata metodologia di raccolta del liquido stesso.
Sembrerebbe che il liquido pre-eiaculatorio raccolto mediante eccitazione indotta da stimoli visivi non contenga spermatozoi, mentre il liquido pre-eiaculatorio raccolto mediante eccitazione indotta da masturbazione e movimenti coitali ne contenga qualche centinaio di migliaia. Ma non vi è certezza.
Fisiologicamente parlando, non c’è ragione per la quale dovrebbero esistere 
spermatozoi vivi nel liquido preseminale, dato che essi si trovano nell’epididimo (il serbatoio di immagazzinamento degli spermatozoi) ed escono da lì solo immediatamente dopo l’orgasmo.
L’unica opzione possibile che fa pensare che ci possano essere spermatozoi vivi nel liquido preseminale, è che questi siano potuti rimanere nell’uretra dopo una prima eiaculazione. Se si produce liquido preseminale subito dopo la prima eiaculazione, è possibile che questo liquido trascini i resti presenti nell’uretra, dove gli spermatozoi possono sopravvivere fino a sei ore. Per questa ragione, si raccomanda di avere sempre rapporti protetti fin dall’inizio, soprattutto nel caso di più rapporti consecutivi.

Lo sapevi che…

Sembra che il liquido preseminale contenga delle glicoproteine che non solo facilitano la lubrificazione, ma che hanno anche delle proprietà immunodifensive. Oltre alle glicoproteine, il liquido contiene anche degli acidi fosfatici che servono per neutralizzare l’acidità dell’urina nell’uretra. Se non svolgesse questa funzione, ci sarebbe un ambiente talmente acido che gli spermatozoi non potrebbero sopravvivere.

Sembrerebbe che il liquido pre-eiaculatorio possa veicolare il virus dell’HIV, cioè il virus che causa l’AIDS.

Dubbi e domande…

Stella, 16 anni
Ho paura che sia venuta a contatto con qualche goccia di liquido pre-eiaculatorio. Rischio una gravidanza?

Anonima
E’ possibile rimanere incinta solo con il liquido pre-eiaculatorio durante i giorni fertili? Soprattutto con 2 rapporti a distanza di poche ore?


In questa simpatica scena di Tutti pazzi per Mary le secrezioni maschili vengono scambiate per qualcos’altro…