spettacolo

Biglietti per i concerti di Ed Sheeran a Torino. Vendita affidata a Twickets

Biglietti per i concerti di Ed Sheeran a TorinoROMA – Continua il caos sui biglietti per i concerti di Ed Sheeran a Torino. Al momento dell’apertura, “sono stati venduti 21.300 biglietti in pochi minuti, ma la domanda è stata almeno 20 superiore all’offerta”, hanno fatto sapere Live Nation e Ticket One.

Biglietti per i concerti di Ed Sheeran a Torino. La Procura apre un’indagine

“Per ciascuna delle due date nel momento di punta si sono registrati in contemporanea anche 100 mila accessi, pari a una potenziale richiesta più di venti volte superiore all’effettiva disponibilità”, afferma Ticketone. “In media ogni fan è riuscito ad acquistare 2,6 biglietti”. Nonostante ciò, però, sono stati cancellati circa 100 ordini sospetti per un totale di 300 biglietti che si pensa siano finiti sui siti di secondary ticketing, su cui sono stati venduti a prezzi molto più esorbitanti. Da 170 a 450 Euro ciascuno. Il caso di Viagogo insegna.

“Ancora una volta il bagarinaggio online – osserva il presidente del Codacons Carlo Rienzi –  ha avuto la meglio su migliaia e migliaia di utenti che hanno provato ad acquistare un biglietto per lo spettacolo dell’artista a Torino. Oggi gli stessi biglietti sono venduti sui siti secondari a prezzi astronomici, che raggiungono quota 525 euro”.

Un fatto inaccettabile che è già al vaglio della Procura. “Abbiamo deciso di investire della questione la Procura di Torino – ha aggiunto Rienzi – affinché apra un’indagine in merito ai concerti di Ed Sheeran al Pala Alpitour del 16 e 17 marzo, affinché accerti condotte illegali e le relative responsabilità”. Indagine analoga a quella aperta a Milano per i concerti dei Coldplay.

Biglietti per i concerti di Ed Sheeran a Torino. Vendita affidata a Twickets

Vista l’esperienza allora, lo staff di Ed Sheeran ha deciso di affidare la vendita dei biglietti a Twickets. “Ci opponiamo alle pratiche non etiche che si verificano sul mercato secondario. Abbiamo notificato a tutti i nostri partner, siano essi promoter, sale da concerto o società di rivendita sul mercato primario, le modalità secondo le quali desidereremmo vengano venduti i biglietti per i nostri spettacoli, cioè direttamente ai fan”, hanno scritto in un comunicato.

“Abbiamo stretto una partnership con Twickets, che permette al pubblico di rivendere eticamente i biglietti, al massimo al prezzo originale imposto dagli organizzatori: incoraggiamo i fan a utilizzare quella come piattaforma per rivendere, eventualmente, i biglietti acquistati”, hanno aggiunto. Un modo per permettere ai fan che sono riusciti nell’acquisto a condividerli in un contesto più trasparente.

Infine, un pensiero al mercato del secondary ticketing. “Siamo al corrente, e per questo molto preoccupati, delle attività svolte dai siti di secondary ticketing: invitiamo tutti i fan a non usufruirne, al fine di evitare di venire truffati pagando prezzi molto più alti o, peggio, di vedersi recapitare biglietti contraffatti. Ancora una volta invitiamo tutti i fan a rivolgersi esclusivamente ai canali ufficiali”.