fotogallery

Bullismo: Lifiba e Eutòpia Tour con il video di Mabasta

Bullismo: anche Piero Pelù, Ghigo e i Litfiba sono con i ragazzi di Mabasta
Il video di Mabasta e Sbam proiettato ad ogni concerto dell’Eutòpia Tour

I 14 giovanissimi ideatori e animatori di Mabasta invitati nei camerini e a partecipare al concerto dei Litfiba presso il PalaFlorio di Bari

ROMA – “Quando un mese fa ci hanno chiamato e ci hanno detto che Piero Pelù voleva un nostro video da proiettare durante tutti i concerti del nuovo tour dei Litfiba, ci è venuto letteralmente un colpo! Naturalmente, trattandosi di musica, abbiamo pensato fosse indispensabile coinvolgere anche i nostri “cugini” di SBAM.”

Così commentano i 14 ragazzi di “Mabasta”, studenti della classe 2°A del “Galilei-Costa” di Lecce e ideatori del Movimento Anti Bullismo Animato da STudenti Adolescenti che è nato un anno fa e che ha già annoverato tanti successi, partecipazioni e collaborazioni.

Quest’ultima con i Litfiba è certo un carico da novanta.

I ragazzi hanno avuto il piacere e, soprattutto, l’onore di essere stati invitati  personalmente da Piero Pelù e da Ghigo a partecipare alla tappa pugliese dell’Eutòpia Tour dei Litfiba presso il PalaFlorio di Bari.

“È stato semplicemente fantastico – commentano i ragazzi di Mabasta – essere lì e partecipare ad un vero concerto rock con la “R” maiuscola, con le chitarre che urlavano, le luci impazzite e la batteria che spaccava è stato davvero …fore de capu! Abbiamo ballato per tutto il tempo. Prima del concerto, Piero Pelù e Ghigo ci hanno invitato nei camerini e hanno voluto conoscerci e farsi le foto con noi. Loro che volevano conoscere noi, ma stiamo scherzando? Eravamo noi che non eravamo nella pelle per poter stringere la mano e “toccare” dal vivo due miti così! A quanti capita una cosa del genere? E poi, vedere ad inizio concerto il nostro video anti bullismo proiettato sul maxi schermo in presenza di migliaia di fan è stato emozionante, stratosferico.”

Il video di Mabasta all’Eutòpia Tour dei Litfiba

A partire da Livorno, e poi a Padova, al Mediolanum Forum di Assago e per tutte le numerose tappe dell’Eutòpia Tour dei Litfiba, Piero Pelù e Ghigo, de sempre impegnati nel sociale, proietteranno su maxi schermo durante i loro concerti il video dei ragazzi di Mabasta insieme anche alle testimonianze video di Don Gallo, i parenti delle vittime di violenze da parte delle forze dell’ordine e Gessica Notaro, la ragazza che pochi mesi fa fu sfregiata con l’acido dall’ex partner.

I ragazzi hanno concepito e realizzato in fretta e in furia un mini video semplice, efficace e “home made” (come è nel loro stile). Ad aiutarli col montaggio questa volta è stato Giorgio Pulli, uno studente della stessa scuola ma di un’altra classe, la 1°C. Il video segue la scia di una elaborazione precedente in cui i ragazzi avevano tutti la bocca chiusa con un cerotto rosso e che ha totalizzato oltre 1 milione di visualizzazioni.

Nel nuovo video si alternano sette componenti di Mabasta (Mattia, Mirko, Marta, Niki, Martina, Francesca e Filippo) con dei cartelli che “denunciano” bullismo, cyberbullismo, intolleranza, razzismo, omofobia ed esclusione e dicendo che quelli di Mabasta ci mettono la faccia.

A seguire Alessandra Longo, una componente del progetto “SBAM – Stop Bullying Adopt Music”, ricorda che “Chi ama la musica non ama il bullismo”.