A Milano forze dell'ordine aprono porte a studenti in alternanza

A Milano forze dell’ordine aprono porte a studenti in alternanza

Roma – “Promuovere l’affiancamento degli studenti in uffici di alcuni enti e organizzare incontri informativi affinche’ possano essere meglio comprese le attivita’ svolte dalle forze dell’ordine”.

Questo l’approccio che si adottera’ in virtu’ delle linee guida contenute nel Protocollo d’intesa “finalizzato alla realizzazione di un percorso di alternanza scuola-lavoro per gli studenti delle scuole superiori milanesi”, sottoscritto stamane in Prefettura a Milano. A stipulare l’intesa, oltre alla prefettura e all’Ufficio scolastico di Milano, anche la Citta’ metropolitana e il Comune capoluogo, la Questura, i Comandi provinciali Carabinieri, della Guardia di Finanza e dei Vigili del Fuoco.

L’accordo si snoda in varie attivita’ con cui si intende “diffondere tra le giovani generazioni la cultura della legalita’ e della sicurezza, sensibilizzando e avvicinando gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado ai valori che ispirano il lavoro delle pubbliche amministrazioni”.

La Prefettura, la Citta’ metropolitana, Vigili del fuoco e Comune, tramite i Comandi di zona della Polizia Locale, apriranno i loro propri uffici degli studenti, mentre la Questura, i Carabinieri e la Gdf “proporranno degli incontri a scopo informativo per illustrare le diverse specificita’ dei rispettivi apparati”. In Prefettura, sede dove il progetto nel suo complesso e’ stato elaborato, saranno ospitati 145 studenti nell’arco di un anno, e qui i giovani partecipanti si occuperanno di protocollazione, dell’avvio di istruttorie di procedimenti amministrativi, dell’inserimento di dati nei sistemi informativi e della redazione di approfondimenti per gli Uffici.

Nel ringraziare le amministrazioni coinvolte per “l’essenziale contributo apportato”, il prefetto meneghino Luciana Lamorgese ha sottolineato in particolare il ruolo svolto dall’Ufficio Scolastico per la Lombardia – Milano, “che ha consentito l’attuazione complessiva del progetto”, ricorda Lamorgese.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it