La pillola mi ha ritardato la comparsa dei giorni fertili e dell’ovulazione? …

Ho avuto un rapporto con preservativo rotto il 10 aprile. L’eiaculazione è stata interna probabilmente. Dopo 20 minuti più o meno ho preso subito la pillola Ellaone.

Buonasera, ho avuto un rapporto con preservativo rotto il 10 aprile. L’eiaculazione è stata interna probabilmente. Dopo 20 minuti più o meno ho preso subito la pillola Ellaone. L’ultima mestruazione è stata il 3 aprile e di solito ho un ciclo che va dai 24 ai 28 giorni. Su suggerimento di un’amica ho acquistato il test di ovulazione digitale avanzato. L’ho fatto ieri mattina a digiuno e con l’urina del primo mattino ed è risultato non fertile (cerchietto vuoto) stessa cosa ho fatto stamattina (12 aprile) ancora una volta il risultato è stato non fertile. Questo test indica i giorni non fertili quelli fertili e l’ovulazione. Poiché l’ovulazione è preceduta da alcuni giorni fertili posso stare tranquilla?  La pillola mi ha ritardato la comparsa dei giorni fertili e dell’ovulazione? Non è possibile che io abbia avuto l’ovulazione prima il giorno 10?

Elena


Cara Elena,
considerando che il tuo ultimo ciclo è stato il 3 aprile, molto probabilmente il 10 non ti trovavi nel tuo periodo fertile (solitamente stimiamo l’ovulazione intorno all’undicesimo- diciottesimo giorno del ciclo). Un settimana ci sembra davvero un tempo troppo ridotto ma, in ogni caso non possiamo avere la certezza assoluta che questa non sia accaduta.
la pillola del giorno dopo, come anche tu ci hai scritto, ha il compito di bloccare e posticipare l’ovulazione evitando che un ovulo venga portato a maturazione e quindi  diventi potenzialmente fecondabile.
Solitamente, se tale farmaco viene  preso nei tempi corretti (in linea generale prima si assume e meglio è) la sua efficacia è buona. Nel tuo caso, i tempi sono stati ridotti al massimo (20 minuti!) e quindi tutto si è svolto rapidamente.
Per quanto riguarda i test per l’ovulazione, considerando la situazione (assunzione della Ellaone) ci sembra possibile prendere i risultati con le dovute accortezze. Considera che l’introito ormonale assunto con il farmaco può generare oscillazioni o variazioni importanti le quali potrebbero alterare i risultati.
Per tutti i motivi che ti abbiamo esposto, il nostro suggerimento è di stare serena e di continuare a monitorare la situazione. Per escludere ogni dubbio,  puoi effettuare, tra circa una settimana, i dosaggi delle Beta Hcg attraverso un prelievo venoso oppure  un test di gravidanza (attendendo però almeno 14 giorni dal rapporto a rischio).
Un caro saluto!