La scuola d'Europa, al liceo Mamiani di Roma laboratori di cittadinanza

La scuola d’Europa, al liceo Mamiani di Roma laboratori di cittadinanza

ROMA – Il futuro dell’Europa si costruisce sulle idee e le iniziative dei ragazzi. Parte dai banchi di scuola il percorso di cittadinanza europea realizzato dal Liceo Mamiani di Roma e da La Nuova Europa, che si concluderà il 26 e 27 ottobre con due incontri nell’Aula Magna del liceo romano.

Due giorni all’insegna del dialogo che coinvolgeranno giovani e ospiti illustri, tra cui la senatrice a vita Liliana Segre, relatrice di una lectio magistralis sulle leggi razziali. Il progetto ‘La scuola d’Europa’, strutturato come un laboratorio di cittadinanza europea, prosegue il suo percorso dopo le quattro sessioni tenute sull’isola di Ventotene, dove nel 1941 Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi scrissero il Manifesto che ha ispirato la nascita dell’Unione europea.

Il 26 e 27 ottobre, il laboratorio si concluderà con due giorni di incontri al liceo romano, dove i ragazzi proporranno domande da fare agli ospiti e da inviare ai decisori politici, ragionando insieme sul quello che l’Europa può fare per i cittadini. Venerdì 26, dopo un dibattito di orientamento in vista delle elezioni europee del 2019, i ragazzi assisteranno alla Lectio magistralis della senatrice a vita Liliana Segre. ‘Io, noi tutti. Solo la memoria ci rende una vera comunità’ sarà il titolo dell’intervento, una riflessione a 80 dalla promulgazione delle Leggi razziali.

Sabato gli incontri proseguiranno con laboratori di cittadinanza e una lezione di storia a cura degli studiosi Anna Foa, Mario Leone e Anthony Santilli, dal titolo ‘Luoghi di confino, di riflessione e di elaborazione: dal Manifesto di Ventotene all’Europa imperfetta di oggi’. Ciascun laboratorio alternera’ le relazioni iniziali a momenti di dibattito con gli alunni, per favorire il confronto sulla cittadinanza europea, in una serie di dialoghi strutturati come l’agora’ di Platone.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it