Storie segrete e misteri da risolvere: ecco Mystery Rooms al Museo

Storie segrete e misteri da risolvere: ecco Mystery Rooms al Museo

L'iniziativa, promossa da Roma Capitale, nasce con l'intento di coinvolgere i giovani tra i 16 e i 30 anni. A far da collante spunti inediti che rendono più dinamica e interattiva la visita al Museo

Condividi l’articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Oltre alla conservazione di beni artistici di inestimabile valore, ogni museo porta con sé tracce di una storia che non tutti conoscono a fondo. Le Mystery Rooms sono state pensate per rendere note storie segrete e opere degne di attenzione, conservate in alcuni dei musei gratuiti del Sistema Musei in Comune, a Roma, coinvolgendo in particolare il pubblico tra i 16 e i 30 anni.

I partecipanti avranno la possibilità di scoprire il patrimonio inestimabile di storia e di arte della loro città attraverso il gioco di squadra, la complicità, l’intuizione, la possibilità di fare ricorso all’ingegno e alla prontezza di riflessi, il tutto in un’esperienza ludica che ricalca le popolarissime “escape rooms” o “mystery rooms” a tema. Qui, a far da collante tra i partecipanti, spunti inediti che rendono più dinamica e interattiva la visita al Museo.

La manifestazione Mystery Rooms al Museo, promossa da Roma Capitale, assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è stata realizzata grazie alle piccole donazioni in denaro effettuate dai visitatori, tramite gli appositi raccoglitori situati negli 8 Musei Civici gratuiti, e vede la collaborazione artistica del Teatro di Roma e l’organizzazione di Zetema Progetto Cultura. Clicca qui per tutte le info.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it