Nightmare Before Christmas: 5 curiosità sul capolavoro di Tim Burton

Nightmare Before Christmas: 5 curiosità sul capolavoro di Tim Burton

Dal 1 dicembre Nightmare Before Christmas è disponibile su Netflix

Condividi l’articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Che Natale sarebbe senza Jack Skeletron!
Netflix ci regala per le feste natalizie Nightmare Before Christmas, il film d’animazione in stop-motion del 1993 nato dalla mente di Tim Burton.
Capolavoro indiscusso d’animazione, la popolarità della pellicola esplose a livello commerciale a scoppio ritardato, grazie alla riedizione in DVD nel 2003.
Da allora Nightmare Before Christmas divenne un fenomeno globale, con gadget, abbigliamento, videogiochi e manga a lui dedicati.
Tuffiamoci nelle macabre atmosfere del Paese di Halloween con una carrellata di curiosità sul film.

1. La tecnica in stop-motion ha richiesto 24 fotogrammi al secondo, il che significava che i personaggi dovevano essere messi in posa 24 volte per ogni secondo del film. Non stupisce quindi che 1 minuto del film ha richiesto un’intera settimana di riprese e circa 3 anni totali per essere completato.

2. Jack Skeletron è apparso per la prima volta in Beetlejuice nel 1988. Lo si può vedere sulla cima del cappello carnevalesco dello spiritello.

3. Tim Burton si è rifiutato di girare un sequel in CGI. Dichiarò in un’intervista a MTV: “Sono sempre stato molto protettivo con il film, non farei sequel o cose del genere. Tipo ‘Jack visita il mondo del Ringraziamento’ o cose così. E’ un film non destinato al mercato di massa, è importante farlo rimanere tale. Cerco di rispettare le persone e mantenere il più possibile la purezza del progetto”.

4. Grazie a Nightmare Before Christmas è nato il sodalizio tra Disney e Pixar. Prima della pellicola di Tim Burton, infatti, Disney non aveva mai collaborato con un altro studio. Ma il successo del film in stop-motion fece nascere in Disney l’idea di una collaborazione più ampia. Fu il regista John Lasseter a suggerire allo studio una collaborazione con la Pixar, che fino a quel momento aveva sviluppato solo corti in CGI. Nacque così Toy Story.

5. Durante le riprese sono state utilizzate oltre 400 teste diverse di Jack Skeletron. Sally, invece, aveva una maschera per ogni cambio di espressione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it