"Piccoli problemi di cuore" torna su Italia 1 dal 15 gennaio

“Piccoli problemi di cuore” torna su Italia 1 dal 15 gennaio

La serie andrà in onda dal lunedì al venerdì alle ore 8.05 circa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Miki e Yuri tornano in tv. Appuntamento il 15 gennaio su Italia 1 con “Piccoli problemi di cuore”, la popolare serie anime anni 90 tratta dal manga di Wataru Yoshizumi “Marmalade Boy”.
La serie andrà in onda dal lunedì al venerdì (a partire da martedì 15 gennaio) alle ore 8.05 circa, nel contenitore di Italia 1 Latte e Cartoni.

La storia

I genitori di Miki annunciano alla figlia di voler divorziare e scambiarsi i partner con un’altra coppia, la quale ha un figlio della stessa età di Miki di nome Yū.

La famiglia allargata andrà a vivere sotto lo stesso tetto e tra Miki e Yū si svilupperà una delle storie d’amore più popolari della tv.

Marmalade Boy

Il manga di Wataru Yoshizumi è stato pubblicato in Giappone sulla rivista Ribon di Shueisha dal 1992-1995, diventando un anime nel 1994.
La serie arrivò anche in Italia nel 1997, trasmessa la prima volta su Canale 5 con il titolo Piccoli problemi di cuore.
Tuttavia, l’anime andò in onda gravemente censurato, con una storia “riscritto” per il pubblico italiano. Per maggiori approfondimenti sulle censure, vi consigliamo il dossier di AnimeClick.
In Italia il manga è stato distribuito per la prima volta da Planet Manga nel 1998.

Oltre all’adattamento televisivo, il manga ha ispirato un lungometraggio live action uscito nelle sale giapponesi nell’aprile 2018, un film d’animazione del 1995 (Marmalade Boy – Quello stesso giorno a casa di Yū) e una serie televisiva live action in Taiwan nel 2001.
Il sequel Marmalade Boy Little, lanciato nel 2013, si è concluso nel settembre 2018.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it