Le donne scelgono la barba: ecco l’identikit dell’uomo ideale del 2019

Le donne italiane?
Prediligono compagni decisi e mascolini fin dal look. A partire dalla barba. Non importa se accennata, stilizzata o folta. L’importante è che ci sia.

È quanto emerge da una ricerca realizzata da Anima Select, l’organizzazione che ha rivoluzionato il mondo degli incontri grazie all’esclusivo “abbinamento emotivo”.

Basandosi sulle tecniche scientifiche delle discipline analogiche ideate dallo psicologo Stefano Benemeglio, l’indagine ha preso in esame un campione di 1.600 uomini tra i 24 ed i 55 anni per tracciare l’identikit dell’uomo ideale del 2019.

Il risultato?

Ecco gli 8 uomini più desiderabili del 2019, divisi per le 8 possibili tipologie emotive.

Modello “Che Guevara”

Nella classifica troviamo l’attore de Il Trono Di Spade Jason Momoa, che -capello lungo e mosso, barba incolta, sguardo intenso, fisico statuario e cuore d’oro- incarna la tipologia emotiva codificata da Anima Select come “Che Guevara”, il family man per antonomasia. Questa tipologia ama i bambini ed è molto premuroso con loro e con la loro compagna.

Modello “Marlon Brando”

Tra i bellissimi, Ryan Reynolds, interprete del super eroe Deadpool e marito della stupenda Blake Lively conosciuta sul set di Lanterna Verde, incarna invece la tipologia “Marlon Brando”. È l’uomo con lo spiccato senso del dovere nell’ambito familiare e proprio per questo non fa mancare nulla alla sua donna. È un leader nato, sempre intraprendente e pieno di iniziative.

Modello “Alain Delon”

Nella classifica non poteva mancare Chris Hemsworth, conosciuto a livello internazionale per la sua interpretazione di Thor, il dio del tuono, che dall’alto dei sui 190 centimetri è marito e buon padre di 3 bellissimi bambini. Chris è nella tipologia emotiva “Alain Delon”, un uomo dal carattere forte e prorompente. Quando si mette in testa qualcosa nessuno può mettergli i bastoni tra le ruote.

Modello “Pablo Picasso”

Poi ancora vi è l’ex calciatore e modello messicano Bruno Cabrerizo, oggi attore e conduttore televisivo. In quanto alle tipologie emotive codificate da Anima Select, Bruno incarna il modello “Pablo Picasso”, un uomo estremamente premuroso sia nel rapporto di coppia che in generale. Si trova spesso a confrontarsi in modo acceso con gli altri e preferisce entrare subito in possesso delle cose che desidera.

Modello “Gladiatore”

Segue un altro degli uomini più belli del mondo: Michael B. Jordan, viso da bravo ragazzo, sorriso da togliere il fiato e fisico perfetto, che incarna il tipo del “Gladiatore”, un uomo molto attento alle esigenze della sua famiglia che mette sempre al primo posto rispetto al lavoro.

Modello “Clint Eastwood”

Poi ancora, l’ex calciatore inglese David Beckham è uno degli altri bellissimi di Anima Select. David incarna il tipo “Clint Eastwood”, un uomo che vive i doveri familiari come un piacere. Ma è molto geloso e possessivo nei confronti della sua donna, che ama soddisfare in tutto e per tutto. È sempre circondato da amicizie maschili ed è un sognatore: gli piace più desiderare una cosa che possederla.

Modello “James Bond”

Intrepido sergente Jerry Wooters in Gangster Squad, Ryan Gosling incarna invece la tipologia emotiva “James Bond”. Da oltre 7 anni insieme alla bellissima modella e attrice Eva Mendes dalla quale ha avuto 2 figlie, Ryan rappresenta l’uomo che crede ciecamente nei valori della famiglia tradizionale. È una persona molto pacata e calma, che ama la chiarezza e la precisione a tal punto da sfociare talvolta in pignoleria.

Modello “Indiana Jones”

E tra i più belli del mondo nel sondaggio condotto da Anima Select non poteva mancare un italiano: Raul Bova che -forte e sicuro di sé- incarna la tipologia emotiva di “Indiana Jones”. Con questo modello gli analogisti di Anima Select si sono voluti riferire per antonomasia ad Harrison Ford, un leader forte e sicuro, ma che in realtà è solo molto abile a celare le sue insicurezze.

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it