Ho un fastidioso e doloroso bruciore intimo durante i rapporti...

Ho un fastidioso e doloroso bruciore intimo durante i rapporti…

Buonasera esperti vorrei esporvi un “problema”.
Da questa settimana ho un fastidioso e doloroso bruciore intimo durante i rapporti e con il mio ragazzo non riusciamo a capire cosa sia!
Pensavamo ad un problema dovuto alla fine del ciclo e dal cambio di assorbenti, da alcune punture di Rocefin che ho effettuato per placche alla gola o addirittura al diverso uso di preservativi. Secondo voi cosa potrebbe essere?
Il bruciore fortunatamente non persiste nei giorni a seguire ma solo al momento del rapporto e giusto 5 minuti dopo.
Per ora ho pensato di usare del Bepanthenol (pensato apposta per i bambini) ma noto di avere qualche fastidio.

Rossella


Cara Rossella,
purtroppo in una consulenza online è difficile se non impossibile fare delle diagnosi circoscritte in quanto non non conosciamo la tua storia anamnestica e non abbiamo strumenti diagnostici di approfondimento che ci permetterebbero di approfondire.
Come tu stessa accenni diversi potrebbero essere le cause, essendo circoscritta al rapporto potrebbe esserci una allergia ai preservativi, oppure visto che l’organismo è stato sottoposto a diversi stress potrebbero esserci un problema con la flora batterica e quindi una eventuale infezione. Il fastidio durante il rapporto sessuale potrebbe avere anche delle implicazioni psicologiche poiché molte donne non riescono a rilassarsi bene, la vagina non si lubrifica a sufficienza. Il pene pertanto strofinando contro le pareti della vagina asciutta, provoca un’irritazione. A causa del timore di provare dolore, i muscoli del pavimento pelvico si contraggono più del solito, e perciò il rapporto sessuale finisce per essere doloroso. La donna cade così ben presto in un circolo vizioso di paura del dolore, che porta a maggiore tensione, che a sua volta conduce ad ulteriore dolore e caduta dell’eccitazione, cause a loro volta di ulteriore secchezza vaginale, che comporta ulteriore irritazione, etc.
In ogni caso, come accennavano ti consigliamo di confrontarti con il tuo ginecologo di riferimento che con un quadro più dettagliato saprà individuare con più facilità e puntualità la causa ed indicarne l’eventuale trattamento.
Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it