Federico Baroni, il busker di 'Amici' debutta con il suo primo album

Federico Baroni, il busker di ‘Amici’ debutta con il suo primo album

Il cantautore ai microfoni di diregiovani.it
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Lo si può trovare di solito a Via del Corso a Roma, ormai palcoscenico fisso delle sue esibizioni live. Dei concerti per strada Federico Baroni ha fatto la sua cifra.

Classe ’93,  il cantautore ora è pronto al debutto con il suo primo album, in uscita a breve per Artist First. Di gavetta, però, ne ha fatta: X-Factor nel 2016, Amici nel 2017 e tanti concerti organizzati in mezzo alla gente. Chitarra e voce gli unici elementi utili a coinvolgere gli spettatori.

“Sento di aver maturato il mio lato artistico. Dal punto di vista dei pezzi sento di aver fatto una crescita. Questo disco- ha raccontato in un’intervista a diregiovani.it- è proprio il risultato di tante esperienze: viaggi, relazioni, valori che i miei genitori e i miei parenti mi hanno trasmesso. È un insieme di tantissime cose”.

L’album è stato anticipato dai singoli ‘Non pensarci’ e l’ultimo estratto ‘Disordine’, una canzone felice e triste allo stesso tempo. Il brano racconta di una relazione importante ormai finita di cui rimane comunque un bel ricordo. Queste sensazioni positive compongono il filo conduttore del lavoro di Federico. Ai testi scritti di proprio pugno, l’ex Amici accompagna basi up-tempo e ‘catchy’ sin dalla prima nota. Con ‘Spiegami’, il primo singolo con etichetta Artist First pubblicato a inizio 2018, non a caso, il 25enne è entrato nella Viral 50 di Spotify e nella Top 10 dei brani più scaricati su iTunes.

Una laurea che porta fortuna

Una laurea in ‘Economia e Management’ presa alla LUISS e il ‘Master of Music’ frequentato nella stessa università hanno contribuito a disegnare il progetto del cantante. “Volevo diventare manager di me stesso- ha spiegato- e utilizzare queste competenze per costruirmi un percorso tutto mio all’interno del progetto artistico e musicale”. Difficile farsi avanti solo con le proprie canzoni: “Mi è servito tantissimo perché al giorno d’oggi non puoi affidarti solo alla musica. C’è tanta gente brava in giro e devi continuamente inventarti cose nuove per farti notare. Quello che ho imparato è stato fondamentale”.

La LUISS, però, non ha regalato solo competenze in management a Federico. L’incontro con Maria De Filippi è avvenuto proprio alla Libera Università Internazionale degli Studi Sociali “Guido Carli”. La conduttrice era stata invitata per una lezione al master. “Le ho portato una chiavetta con quattro o cinque bozze- ha raccontato- e dopo due ore mi hanno chiamato dalla redazione. Sono convinto che lei abbia ascoltato i pezzi e mi abbia fatto richiamare. Ho un bellissimo ricordo di Maria e del programma”. Amici è stata una grande palestra: “È stato importante suonare davanti a un grande pubblico, su un palco con gli in-ear mai utilizzati prima. Mi ha insegnato a controllare l’ansia anche se non ci sono mai riuscito veramente”.

Con il primo disco, Federico tornerà anche con un tour per le strade e con progetti correlati al disco. È tutto in divenire per il cantautore ma le cose non cambiano: resta sempre lo stesso busker che ama stare in mezzo alla gente.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it