Il viaggio del piccolo Italo alla scoperta della Costituzione

Il viaggio del piccolo Italo alla scoperta della Costituzione

Il progetto dell'istituto 'Vallauri' di Fossano sarà premiato in Senato il 27 maggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Un cartone animato per raccontare la Costituzione italiana o per “scriverla dentro i nostri cuori” citando le parole degli studenti che lo hanno realizzato. Si chiama ‘ITALO – Robusta Costituzione e sani principi’ il progetto realizzato dalla classe 4B informatica dell’istituto superiore ‘Vallauri’ di Fossano- in provincia di Cuneo- a partire da una idea della scuola primaria ‘Levi’ di Fossano.

Il progetto ha vinto il premio speciale ‘Marta Genovie’ De Vita per l’uso da parte delle scuole delle tecnologie informatiche’ nell’ambito del concorso di cittadinanza e costituzione ‘Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione’ – promosso dal Miur e dal Parlamento per l’anno scolastico 2018/2019 – che sarà conferito agli ideatori durante la cerimonia di premiazione nell’aula legislativa di Palazzo Madama il prossimo 27 maggio. Italo – capelli verdi, maglietta bianca e calzoncini rossi – è il bambino che accompagna lo spettatore, o più precisamente un suo coetaneo, in questo immaginario viaggio dentro la Costituzione.

“Un video per i piccoli, gradito anche ai più grandi” come l’hanno definito gli ideatori: sul suo tappeto volante, la bandiera italiana, Italo vola dal cervello al cuore, passando per mani, occhi, bocca, persino piedi e colonna vertebrale. Per ognuno dei primi dodici articoli costituzionali, un organo o una parte del corpo che corrisponde a una funzione vitale dell’organismo. A partire dalle cellule, che nel cartone sono i cittadini: “Pensate ad un corpo che gode di ottima salute, sano e robusto come il mio. Ecco le cellule, insieme lavorano per formare i tessuti. Noi cittadini siamo le cellule su cui si fonda la nostra repubblica democratica”.

L’animazione si è avvalsa di oltre 4500 disegni realizzati manualmente uno ad uno. Il lavoro tecnico si è intrecciato allo studio della Costituzione e al desiderio di alimentare, proprio attraverso lo studio dei principi fondamentali, un senso di appartenenza alla comunità scolastica. Mirella Vatasso, una delle docenti del ‘Vallauri’ che ha seguito il progetto, insiste proprio su questo aspetto: “Quello che mi ha colpito molto, da insegnante di storia, è stato vedere la gioia dei miei studenti di 17-18 anni nel preparare la lezione per i piccoli. Vederli studiare moltissimo la Costituzione, cercare le parole esatte per renderla davvero comprensibile ai più piccoli. La Costituzione come sorta di collante generazionale. Ecco io credo che studiando la Costituzione in tutte le scuole potremmo fare grandi cose. Italo- ha aggiunto Vatasso- è il nostro piccolo contributo perché la Costituzione abiti la scuola, possa risiedere nella mente e nel cuore di ciascuno, nel comune cammino dei valori di democrazia e libertà che la Costituzione ci ha consegnato”, ha concluso Mirella Vatasso, che non nasconde l’emozione di essere premiati in Senato: “è per noi, e per i nostri docenti, motivo di orgoglio e di soddisfazione, ma soprattutto ci fa sentire più forte la condivisione dei valori fondanti la nostra Repubblica con gli studenti piccoli e grandi e con la scuola tutta”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it