Lui si è accorto di avere il glande arrossato e con dei puntini rossi...

Lui si è accorto di avere il glande arrossato e con dei puntini rossi…

Ieri ho avuto dei rapporti consecutivi non protetti (all’incirca tre) con il mio partner.
L’eiaculazione è avvenuta sempre fuori, perché pur prendendo la pillola mi sento più sicura così. Alla fine dei rapporti il mio partner si è accorto di avere il glande arrossato e con dei puntini rossi che prima non c’erano. Ci siamo allarmati e abbiamo cominciato a pensare alle possibili cause: qualche giorno prima avevamo usato un preservativo scaduto e una volta accorti di ciò l’abbiamo subito rimosso; un’altra possibile causa è la masturbazione, infatti il mio partner più di una volta si masturba durante i rapporti e abbiamo letto che questo possa causare irritazione del glande.
Ora vorrei sapere se c’è da preoccuparsi o meno perché abbiamo avuto rapporti senza preservativo e non vorrei fosse qualcosa di grave e di trasmissibile. La cosa strana è però che tutto ciò sia successo dopo i rapporti, mentre nei giorni precedenti e anche la mattina prima dei rapporti non c’era nulla ciò.
Inoltre vorrei sapere se questi tipi di rapporti consecutivi non protetti con eiaculazione fuori sono pericolosi o meno.
Grazie e buona giornata.

Chiara



Cara Chiara,
i rapporti ravvicinati se avvengono senza alcuna protezione, potrebbero esserci dei rischi di concepimento, soprattutto se la donna si trova nel suo periodo fertile. Non basta, infatti, una buona pulizia del pene per eliminare residui di sperma, considerando che gli spermatozoi rimangono in vita nelle ghiandole che si trovano vicino alla base del pene e quindi possono fuoriuscire anche nelle primissime fasi dei rapporti successivi. È consigliabile orinare oltre che mantenere buone pratiche di igiene per potere eliminare le tracce preesistenti. Sebbene va specificato che la minzione dopo l’eiaculazione non ha un potere contraccettivo, ma semplicemente riduce la possibilità di concepimento. Nel tuo caso specifico ci sembra di capire che assumi regolarmente il contraccettivo orale per cui non vi dovrebbero essere rischi significativi.
In una consulenza online non è possibile poter fare delle diagnosi precise in quanto non abbiamo nè storia anamnestica nè strumenti diagnostici di approfondimento.
Di solito nei genitali maschili l’infezione da candida può provocare numerose chiazze, piccole e lucide, di colore rosso e localizzate sul glande e sul prepuzio. A questi sintomi si aggiungono anche il prurito e il bruciore.
Oppure il gonfiore e il rossore di cui parli potrebbero essere correlati anche ad una dermatite irritativa. 
Come vedi diverse potrebbero essere le  cause, ti consigliamo di rivolgerti al medico di base o all’andrologo per avere una visione più corretta e individualizzata.
Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it