Bon Bon come Hachiko: cane fedele aspetta per 4 anni la sua famiglia

Bon Bon come Hachiko: cane fedele aspetta per 4 anni nello stesso posto la sua famiglia

Il cane era disperso dal 2015
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Anche la Thailandia ha il suo Hachiko. Si chiama Bon Bon e la sua storia ricorda quella del cane giapponese che ha atteso per 10 anni il ritorno del suo padrone.

La storia di Bon Bon inizia nel 2015, quando la sua famiglia umana perse le sue tracce nella periferia di Khon Kaen.
Qualche tempo dopo, la gente del posto iniziò a notare che un cane trascorreva ogni giorno sul ciglio della strada, nei pressi del ponte Huai Rak Thain.

Diverse persone provarono ad aiutare quel cucciolone malato e indebolito. Una signora di 45 anni, Saowalak Pinnuchawet, prese a cuore l’animale e decise di prenderlo con sé e dargli un nome, Leo.

Tuttavia, ogni volta che lo portava a casa, Leo puntualmente scappava e tornava sulla strada.
Dopo diversi tentativi rinunciò, e iniziò a portargli da mangiare tutti i giorni.

Poi il miracolo.

Grazie ad un appello sui social, la storia e le foto di Leo hanno fatto il giro del web, fino a raggiungere la sua vecchia famiglia umana, che ha riconosciuto in lui il Bon Bon perso anni fa.

I suoi ex proprietari sono accorsi sul posto per riabbracciarlo, accolti da coccole e scodinzolate. Tuttavia, Bon Bon ha scelto di non seguirli, preferendo rimanere con la sua nuova “mamma” umana, Saowalak.

Sembra quasi che Bon Bon avesse voluto assicurarsi che la sua vecchia famiglia fosse stata bene prima di trovare una nuova casa.

E così è.

Oggi Bon Bon vive felice con Saowalak, e i suoi ex proprietari hanno promesso di aiutare a prendersene cura, venendolo a visitare e aiutando a pagare eventuali spese veterinarie.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it