Coronavirus, preside istituto 'Tosi' di Busto Arsizio: "Circolare Ministero indica direzione giusta"

Coronavirus, preside istituto ‘Tosi’ di Busto Arsizio: “Circolare Ministero indica direzione giusta”

La preside Amanda Ferrario: "In emergenza si fa quel che si può"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “Finalmente una bella presa di posizione chiara e netta sui nostri doveri e sul fatto che si debba andare in questa direzione. Io condivido tutto”.

Così all’agenzia Dire Amanda Ferrario, la dirigente scolastica dell’istituto ‘Tosi’ di Busto Arsizio ha commentato l’ultima circolare ministeriale che contiene indicazioni operative per le scuole sulla didattica a distanza. Il ‘Tosi’ è una delle prime scuole ad avviare la didattica a distanza in Lombardia nonché tra le capofila di ‘Avanguardie educative’, il movimento che mette in rete esperienze scolastiche di innovazione.

“Questa crisi ci apre un po’ di prospettive, soprattutto sulla formazione- prosegue Ferrario- Dobbiamo avere il coraggio di dire che la formazione deve essere obbligatoria. E sugli stanziamenti bisogna cominciare. Intanto rilevare quanti sono gli studenti che non hanno device e dare loro gli strumenti necessari”.

La preside poi sottolinea la necessità di affrontare la situazione senza polemiche:

“Non si può puntare il dito adesso contro l’emergenza. Cosa è stato fatto nei dieci anni precedenti? C’è un piano nazionale di scuola digitale che va avanti da anni ma non c’è abbastanza formazione, ci sono scuole che non hanno strumenti, non c’è la banda larga in Italia. Quindi ora siamo in emergenza e si fa quello che si può, con quello che si ha. E piano piano si costruisce per il futuro”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it