Roma, ministra Azzolina visita istituto Magarotto: "Facciamo squadra"

Roma, ministra Azzolina visita istituto Magarotto: “Facciamo squadra”

La dirigente: "Onorata di averla qui, ci è sempre stata vicina"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono felice di essere qui e orgogliosa di essere ministro in questo momento storico e questo grazie a studenti come voi. Non è scontato vedere un lavoro di squadra come quello che si vede qua. Se non si fa squadra all’interno di una scuola, i primi a pagarne le conseguenze sono gli studenti e le studentesse”.

Sono le parole della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina che questa mattina ha visitato la scuola statale per sordi ‘Magarotto’ di Roma. Al suo arrivo la ministra ha ricevuto dalla dirigente scolastica Isabella Pinto una mascherina trasparente, necessaria per facilitare la comunicazione con gli studenti dell’istituto.

“Mettiamoci le mascherine, rispettiamo le regole e difendiamo le scuole perché possano restare aperte”, ha subito ricordato la ministra.

Prima tappa della visita è stato il museo della stampa, dove un gruppo di studenti ha donato alla ministra una maglietta da loro realizzata. Dopo il sopralluogo nelle classi e nei laboratori – per vedere i banchi e le nuove disposizioni delle aule – la ministra è stata accolta all’interno della palestra dal coro della scuola e da una rappresentanza della squadra di pallavolo, fresca del titolo di campione d’Europa.

“Sono onorata di avere qui la ministra- ha commentato la dirigente scolastica– In questi mesi le ho sottoposto tante problematiche specifiche e lei ci era sempre stata vicina. Con i finanziamenti del ministero, dal giorno del lockdown a oggi, abbiamo fatto tante cose, abbiamo costruito una nuova palestra, un laboratorio multimediale, abbiamo acquistato gli arredi per la sede di via Nomentana, pitturato aulee di tutte le sedi, sostituite serrande, materassi e cuscini per il convitto”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it